Blog: http://floppy.ilcannocchiale.it

Le principali caratteristiche del "Carcharodon carcharias" ovvero del grande squalo bianco



1) Senso della vista molto sviluppato rispetto alle altre specie di squali, infatti il grande squalo bianco è l'unico capace di portare il capo fuori dall'acqua per controllare meglio ciò che lo circonda ed utilizza quindi la sua acuta vista anche attraverso l’ambiente aereo.

2) E' capace di inabissarsi fino a 1200 metri di profondità. Lo squalo bianco ha sviluppato un meccanismo di conservazione del calore che gli permette di avere una temperatura corporea di 4 – 5 C° superiore a quella dell’acqua che lo circonda e fino a 10C° per quanto riguarda la muscolatura più interna.

3) La vita media si aggira tra i 30 e i 40 anni. I piccoli alla nascita hanno una lunghezza di circa 1,20 m, i loro denti sono dotati di piccole cuspidi laterali e quelli della mandibola inferiore sono lisci anziché seghettati.

4) Può imparare a riconoscere oggetti non commestibili utilizzando la memoria di esplorazioni fatte in passato;

5) Lo squalo bianco sembra infine avere la capacità di cooperare insieme ad altri esemplari della sua stessa specie per ottimizzare l’efficacia predatoria; (es: in Sud Africa numerosi squali bianchi sarebbero stati filmati durante il tentativo di spostare insieme la carcassa di una balena in acque più profonde)



Bisognerebbe smettere di credere che lo squalo bianco sia uno squalo assassino. L'uomo non rientra tra le sue prede abituali.
L’80% degli attacchi non provocati all’uomo si sono conclusi dopo il primo morso, quando probabilmente il predatore si rendeva conto che la preda non era di suo gradimento..
Un unico morso dello squalo bianco può però provocare danni di grave entità, a causa della forza e delle dimensioni di questo animale, e portare ugualmente alla morte, soprattutto in assenza di soccorsi immediati..


L'uomo non è mai riuscito a mantenere e studiare uno squalo bianco in cattività.

Solo nel Giugno 2003 per la prima volta il Monterey Bay Aquarium in Monterey, California, è riuscito a mantenere in cattività uno squalo bianco per 10 giorni, dopo i quali purtroppo l’esemplare è morto.

Nel Settembre 2004 una femmina, catturata per sbaglio da pescatori professionisti, viene donata all’acquario e per 198 giorni questo esemplare si adatta perfettamente alla vita in cattività e viene esposta al pubblico con grande successo.

Nel Marzo 2005 questo squalo bianco, per non prolungare eccessivamente la sua permanenza in cattività e proteggerlo da eccessivo stress, viene rilasciato in mare aperto e monitorato per 30 giorni, potendo così acquisire una mole importantissima di dati ed informazioni biologiche.

Dal 31 Agosto 2006 il Monterey Bay Aquarium tiene in cattività un altro esemplare, il quale dimostra di essersi adattato bene alla nuova situazione, alimentandosi normalmente ed aumentando di peso e lunghezza.


Il grande squalo bianco può superare i 7 metri di lunghezza, infatti il più grande esemplare catturato dall'uomo era una femmina di 7,14 metri.

Può raggiungere i 60 Km/h.

E' presente in tutti i mari temperati e sub-tropicali del mondo, presente nel mare Mediterraneo. Si ipotizza l'esistenza di un'area riproduttiva fra la Sicilia e la Tunisia.


Si nutre di squali e razze, pesci ossei (tonni e pesci-spada), molluschi, crostacei, cefalopodi, tartarughe marine, mammiferi marini e carcasse di balene o squali balena.


Molte info le ho ricavate dal sito www.fondali.it

Pubblicato il 13/12/2010 alle 23.30 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web