Blog: http://floppy.ilcannocchiale.it

Il "Beach ledgering"



Il Beach ledgering è una branca del surf casting. Diciamo una tecnica alternativa al surf praticato per la maggior parte d'estate con mare piatto e assenza di vento.

Con questa tecnica non è necessario lanciare a lunghe distanze e fare lanci esasperati tipici del surf casting.

Le attrezzature per praticare questa tecnica sono di tipo leggero con canne in grado di lanciare grammature che vanno dai 20 ai 100 grammi di peso e mulinelli di taglia 4000 massimo 5000.

Questa tecnica si può praticare sia di giorno che di notte.

Come lunghezza vanno bene le canne dai 3/3,5 metri fino ai 4,5/5 metri e di tipo telescopico per facilitarne il trasporto. In commercio esistono anche canne da beach telescopiche con vettini intercambiabili che permettono di lanciare grammature differenti l'uno dall'altro oppure canne a 2/3 pezzi non telescopiche.

Per i monofili, a differenza del surf, raramente utilizzeremo diametri superiori allo Ø 0,45/0,50 ma la fascia di maggior impiego va dallo Ø 0,18/0,20 allo Ø 0,30/0,35.

Per posizionare le canne, nel beach ledgering è molto utilizzato il tripode da 2 o 3 posti. Molti preferscono il tripode ai picchetti perchè rimane più stabile sul terreno mentre altri affermano il contrario.

Per uqnato riguarda le esche l'innesco con il pesciolino vivo è scarsamente impiegato anche se molti lo utilizzano per insidiare un po' tutti i predatori.

Pubblicato il 2/6/2010 alle 18.30 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web