.
Annunci online

floppy
Tu che oggi parli male di me ... Ieri sparlavi degli altri .... Minkia, si veru infami
SOCIETA'
2 gennaio 2006
La morte di Bob Marley : verità o leggenda?





Ho comprato un libro recente su Bob Marley : “Bob Marley Tribute” by Rock Star in vendita a 4 euro e 90 di 98 pagine.

Il libro è suddiviso in capitoli. Il capitolo che ha colpito la mia attenzione si intitola “E se Robert Nesta Marley fosse stato ucciso? Cronaca di una morte attesa, annunciata e voluta. A partire da uno strano attentato avvenuto il 3 dicembre 1976”. Il giornalista che ha scritto questo articolo si chiama Andrea Moranti.

Forse la morte di Marley nasconde qualcosa di diverso, di nascosto e terribile che corre sotterraneo e conduce fuori dai confini di Kingston fino dentro un ufficio di vetro di New York. E’ una storia di musica che diventa politica, di canzoni e di uomini che iniziano a diventare pericolosi. La storia nasce nel 1976 a Hope Road, Kingston, a casa Marley. Bob stava in cucina a parlare col suo manager insieme al suo figlioletto Ziggy e un fotografo del Jamaica Daily News, Neville Garrii, che aveva fatto a Bob alcune fotografie in giardino e che poi erano state rovinate da alcuni tizi che gironzolavano attorno alla proprietà e che avevano fatto innervosire Marley. Le sagome di quei personaggi vennero immortalate nel rullino del fotografo, che dopo l’attentato, il fotografo corse subito a svilupparlo per saperne qualcosa in più. Ma il rullino non verrà mai trovato e poco dopo le nove della sera, quelle sagome d’ombra prenderanno corpo ed esploderanno una raffica di piombo inaudita contro la cucina dove si trovano i quattro tra cui Marley che viene ferito ad un braccio, Rita alla testa, Lewis Griffith un paio di colpi in zone vitali.

Ricordando quella notte Marley ci scrisse una canzone in “Ambush in The Night” che significa “imboscata nella notte” nell’album Survival. Don Taylor scriverà un libro dicendo che quell’azione era stata organizzata dalla C.I.A.

Da questo momento in poi una luce inquietante scende sulla vicenda solare e felice di Marley. Chi lo vuole morto? A chi interessa la sua fine? A chi giova il silenzio eterno del re del reggae? La lista è lunga, molto lunga. Ma la vicenda comincia a diventare seria quando Marley scrisse la canzone “War” e in molti storcono il naso e pensano che quel negro con i capelli lunghi deve stare al suo posto, cantare e smetterla di pensare. Più che una canzone sembra una dichiarazione di guerra. Un pezzo che cita apertamente un discorso dell’Imperatore d’Etiopia Haile Selassie I. Un brano pieno di rabbia e sete di giustizia. Nei corridoi della C.I.A. si comincia a parlare del fenomeno Marley, si vocifera che sta prendendo troppo potere “infiltrazioni russe lasciate agire nell’isola caraibica” (citazione presa da un documento federale della C.I.A.). C’è n’è abbastanza per far venire i capelli bianchi anche al più liberale degli agenti del Dipartimento Federale.

Il 5 dicembre 1976, due giorni dopo lo scampato assassinio, a Kingston, Marley decide di tenere ugualmente il concerto Smile Jamaica. Lo spettacolo viene ripreso da molte telecamere, ma dietro una di queste c’è un americano che non ha la pù pallida idea di cosa filmare. Il suo nome è Carl Colby Junior (il figlio del direttore generale della C.I.A.), cosa ci faceva lì due giorni dopo il tentato omicidio di Marley? Nessuno lo saprà mai, alcuni dicono che nello squadrone della morte di pochi giorni prima c’era anche lui. I Dipartimenti di New York e Houston compilano fascicoli elencando la pericolosità di Marley e del movimento Rastafari, descritto come criminale, dedito alle droghe e possibile gruppo terrorista. Marley venne considerato da molti il Malcolm X degli anni ’70. I guerriglieri per la liberazione dello Zimbabwe dicono addirittura di ispirarsi a Marley nella lotta contro il regime coloniale di Ian Smith.

Sembrerebbe che, fallito l’attentato, la CIA abbia deciso di farlo morire in via naturale per non farne un martire. In che modo? Dicono (ma la cosa va presa col beneficio d’inventario) che gli furono regalati da uomini politici un paio di stivali e che dentro uno dei quali ci fosse un ago con il quale Bob, infilandoselo, si punse. Da quel momento cominciarono i suoi guai con il cancro al piede (ma è possibile la trasmissione delle cellule cancerose?).

Dopo 4 anni di sofferenze (si era sottoposto anche alla chemioterapia che gli fece perdere i suoi bei dread) morì. Ma la sua musica non è ancora morta e mai lo sarà. I Mass Media di tutto il mondo riconoscono ancora oggi la validità e l’eternità della sua musica.

Dopo la sua morte in molti tentarono di uguagliare o addirittura superare la fama di Bob, ma mai nessuno ci è riuscito e il reggae di Bob Marley rimarrà unico e immortale. L’unico che si è avvicinato alla sua fama è stato Buju Banton.

Altra leggenda (???) vuole che Peter Tosh sia stato il successore di Bob nella difesa del popolo negro e in un modo alquanto più forte di quanto lo avesse fatto Bob. Qualche anno fa Peter fu ucciso da tre individui a colpi di pistola. L’accaduto fu archiviato facendolo passare per una rapina.

La verità su tutto ciò non la si saprà mai. Bob Marley rimane e rimarrà per sempre un mito che i tempi addivenire non riusciranno a far dimenticare. Lui stesso diceva che la sua musica sarebbe stata immortale. E’ vero, il Reggae di Bob sarà immortale, non per quello che trasmetteva politicamente, ma per il trasporto che induceva, induce e indurrà sempre, nell’animo di chi l’ascolta.




permalink | inviato da il 2/1/2006 alle 12:19 | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
LINK DI PESCA SPORTIVA
Pesca On Line
Pesca in Mare
Caccia e pesca TV
Pescare net
Pesca e nautica
Surfcasting on line
Surfcasting e dintorni
The surf channel
Calabria pesca on line
Calabria Pesca
Pesca TV
Spinning On Line
Planet Spin
Pescare nel Mondo
Sport pesca spinning
Itinerari di pesca
Pesca Abruzzo
Pescara Pescando
Tecnolenza Adriatica
4venti Il portale per la pesca in mare
2anglers La pesca sportiva on line
Black Bass & Co. Tutto sulla pesca al lancio
F.I.P.S.A.S.
Pescare On Line
Pescare
Pesca Ok
Hobby pesca
------------------
RICERCA SUL WEB
Google
Yahoo
Virgilio
M S N
--------------------
UTILITA' E SERVIZI
Codice Civile
Codice Stradale
Codice Penale
Codice Fiscale
Enciclopedia Universale
Enciclpedia Medica
Pagine Bianche
Pagine Gialle
Pagine Utili
Orario Ferroviario
Stradario d'Italia
Poste Italiane
Finanze
Polizia di Stato
Edison
Enel
Telecom Italia
T I M
Rosso Alice
I.N.P.S.
I.N.A.I.L.
I.C.I.
INPDAP
CAP postali
--------------------
INFORMAZIONE
Tg5
Tgcom
Rai
Il Centro
Il Sole 24 ore
La7
La Repubblica
Il Tempo
L'Unità
Il Corriere della Sera
Il Messaggero
--------------------
L A V O R O
Adecco
Bollettino
Concorsi
Giovani Imprenditori
Informa Giovani
Jobline
Obiettivi
Informagiovani Giulianova
-------------------
DA VISITARE
Giorgius (esplorando il cyberspace)
Sebastiano (il matematico)
CeceniaSOS
Barfly blog
------------------
V A R I E
Tortoreto (TE)
Comune Tortoreto (TE)
Parco Nazionale D'Abruzzo
IL portale degli Abruzzesi
Abbruzzo social forum
Abruzzo città
Villa Pini D'Abruzzo (la clinica dove lavora mia sorella come fisioterapista)
Università degli studi di Teramo
Regione Abruzzo
Tutto Abruzzo
Abruzzo natura
Abruzzo Federvolley
Emanuela Falcetti (italiaistruzioniperluso)
Charlie Chaplin
Red Bull
Daddo (il portale multietnico)
Virtual Dj
Alinvolo (iniziative per la lotta all'Aids)
Almamegretta
Raiz
24grana
Quasi quasi ...
-----------------
MUSICA JAZZ
All About Jazz Italia
Sax on the Web
Jazzit (link di musica jazz)
Jazzos (portale di acquisti on line di prodotti inerenti la musica jazz)
Music Club (mensile di musica e concerti)
ACCUJAZZ (radio)
Jazz Convention
-------------------
CONSERVATORI E SCUOLE MUSICALI
Conservatorio di Roma
Conservatorio di L'Aquila
Istituto Braga di Teramo
Conservatorio di Fermo
Scuola Giocond di S.Benedetto T.
------------------
UN PO' DI CRISTIANESIMO
Radio Vaticana
Chiese teramane
Chiesa Della Madonna Dello Splendore di Giulianova Paese
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Test your Internet connection speed at Speedtest.net

by Blografando&BW
Gioco Skateboard in città - Street sesh
Bel gioco di SkateBoard per effettuare acrobazie urbane in mezzo a veicoli vari, con scalinate da superare e rampe da usare per scavalcare camion e automobili.
QUI POTETE SEGUIRMI IN DIRETTA STREAMING QUANDO SONO ONLINE

Streaming video by Ustream
Partecipa al Sondaggio!
Chi è il tuo sassofonista preferito?
Risultati
Partecipa al Sondaggio!
In genere mi piace maggiormente ascoltare della buona musica jazz....
Risultati
JOHN COLTRANE MUSIC PLAYER Per un migliore ascolto delle radio e dei video sottostanti
mettere in pausa il player sovrastante


PESCA WEB TV STREAMING
Watch live streaming video from pescatv at livestream.com
Trabucco Fishing / Articoli e prodotti per la pesca sportiva e agonistica VIDEO MUSICALI

Visualizzazione ingrandita della mappa --------------------------------- Il jazz è molto più di una semplice forma musicale....il jazz è arte, cultura, conoscenza (me stesso) ----------- Miles Davis was the "Picasso of Jazz," reinventing himself and his sound endlessly in his musical quest. He was an artist that defied (and despised) categorization, yet he was the forerunner and innovator of many distinct and important musical movements. ----------- Il pugilato è come il jazz: più è buono e meno la gente l'apprezza. ~ George Foreman ----------- l'arte è espressione di sè. Se stai esprimendo la personalità di qualcun altro non è arte. Bennie Wallace ----------- L'improvvisazione è l'abilità di parlare a se stessi Cecil Taylor ----------- Il jazz è quel genere musicale che può assorbire un sacco di cose ed essere ancora jazz. Sonny Rollins ----------- AFORISMI DI MILES DAVIS: Prima lascia che io lo suoni, poi più tardi te lo spiegherò. La musica è diventata densa. Mi danno dei pezzi pieni d'accordi e io non li so suonare. Nel jazz sta prendendo piede una tendenza ad allontanarsi dal giro convenzionale degli accordi, e una rinnovata enfasi delle varizioni melodiche e armoniche. La musica e la vita sono solo questioni di stile. Non temere gli errori. Non ce ne sono. Non suonare quello che c'è. Suona quello che non c'è. È stato sempre un mio dono quello di saper ascoltare la musica. Non so da dove viene. C'è e non mi faccio domande. Perché suonare tutte queste note quando possiamo suonare solo le migliori? Un mito è un vecchio col bastone che viene ricordato per quello che faceva una volta. Io lo sto ancora facendo. Non esistono note sbagliate. ----------- Cos'è il Jazz? Amico, se lo devi chiedere, non lo saprai mai. Louis Armstrong ----------- In genere, il jazz è sempre stato simile al tipo d'uomo con cui non vorreste far uscire vostra figlia. Duke Ellington ----------- Il jazz non è morto, ha solo un odore un po' curioso. Frank Zappa ----------- La musica è la tua propria esperienza,i tuoi pensieri,la tua saggezza. Se non la vivi, non verrà MAI fuori dal tuo strumento Charlie Parker ----------- Il Jazz è l'unica musica in cui la stessa nota può essere suonata in ogni serata, ma sempre in modo diverso. Ornette Coleman ----------- Credo che la cosa più importante per un musicista sia quella di trasmettere a chi lo ascolta un'immagine di tutte le cose meravigliose che sente e avverte nell'universo. Questo è ciò che la musica significa per me, semplicemente una possibilità, tra le molte altre, di dire che viviamo in un mondo immenso e meraviglioso, un mondo che ci è stato donato John Coltrane ----------- Devi amare per poter suonare. Louis Amstrong ----------- Suona , suona sempre anche senza strumento. Lee Koniz ----------- Un giovane sassofonista si lamentava con me del fatto che ascoltare Coleman Hawkins lo innervosiva. Gli ho risposto: "Coleman Hawkins deve renderti nervoso! Hawkins ha innervosito tutti i sassofonisti degli ultimi quarant'anni!". Cannonball Adderley ----------- "Il sassofono non è solo qualcosa in cui soffiare; esso è qualcosa con cui cantare" Paul Brodie ----------- Mi voltai e c'era Bird, conciato peggio di una merda, con la faccia gonfia, gli occhi arrossati e l'aria di aver dormito nei suoi vestiti spiegazzati per giorni. Ma era fico, con quell'aria hip che gli riusciva di avere anche quando era ubriaco e drogato Miles Davis ----------- La musica lava via la polvere della vita quotidiana Art Blakey ----------- Il jazz è conosciuto in tutto il mondo come una forma d'arte musicale americana e così è. Niente America, niente jazz. Ho visto persone cercare di collegarlo ad altri paesi, per esempio all'Africa, ma non ha niente a che fare con l'Africa. Art Blakey ----------- Ci ho messo tutta la vita ad imparare cosa non si deve suonare. dizzy Gillespie ----------- Il blues non serve a far stare meglio te,serve a far star peggio ki ti ascolta!!! Gengive sanguinanti Murphy- Simpson - Lisa sogna il Blues ----------- se gradite uno strumento che canta,suonate il sassofono.relativamente è come la voce umana. Stan Getz ----------- "Come nuovo, uno dei migliori fegati contemporanei. A bagno nel Dewar (una marca di whisky) e scoppia di salute". paul desmond il giorno in cui gli diagnosticarono un tumore al polmone ----------- "e in culo anche il jazz" Novecento A. Baricco ----------- "io non sono quello che faccio, faccio quello che sono". Miles Davis ----------- "la vita senza la musica sarebbe un errore, ma anche la musica senza la vita sarebbe un errore!" Wayne Shorter ----------- L'unica rabbia che posso provare è verso di me, quando non riesco a suonare quello che voglio (J. Coltrane) ----------- 'Play it in the key of your soul' "Suonala nella chiave della tua Anima" Charles Mingus ----------- "Il jazz, se si vuole chiamarlo così, è un'espressione musicale; e questa musica è per me espressione degli ideali più alti. C'è dunque bisogno di fratellanza, e credo che con la fratellanza non ci sarebbe povertà. E con la fratellanza non ci sarebbe nemmeno la guerra" John Coltrane -----------

 Questo blog è contro la blacklist
ed eventuali commenti anonimi
(o non anonimi) che conterranno
turpiloqui e bestemmie verranno
(forse) cancellati.


Questo blog lo dedico alla memoria
di Fausto Papetti, scomparso nel 1999
nella quasi indifferenza. Eppure è stato
e rimarrà sempre il più grande
sassofonista che abbiamo avuto in Italia
e che pochi hanno saputo apprezzare,
specialmente le nuove generazioni.










 



 


























 

 

 

 



 


 

 

 

 

 




























 



























 

 






































IL CANNOCCHIALE