.
Annunci online

floppy
Tu che oggi parli male di me ... Ieri sparlavi degli altri .... Minkia, si veru infami
spettacoli
16 gennaio 2010
Al via Jazz ‘in provincia, 11 appuntamenti di grande musica nella regione Marche

Pesaro (PU)- Cinque mesi in compagnia del grande jazz nei teatri storici della provincia di Pesaro e Urbino.

Parte sabato 23 gennaio per concludersi l’8 maggio, la decima edizione di Jazz ‘in provincia, l’ormai tradizionale rassegna che accompagnerà gli appassionati di musica afroamericana fino a primavera inoltrata, ospitando artisti di fama nazionale ed internazionale in teatri di grande valore storico e architettonico del territorio.

Importanti le novità che caratterizzeranno questa edizione disegnata e diretta da Adriano Pedini. A cominciare dai comuni coinvolti, che salgono ad 11 con l’ingresso nel circuito del jazz di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Peglio e San Costanzo.

Organizzata dall’assessorato alla Cultura della Provincia di Pesaro e Urbino e da Fano Jazz Network, in collaborazione con i Comuni coinvolti e associazioni locali, la rassegna rientra nel più ampio progetto “Parco dei Teatri Jazz”, inserito nell’accordo di programma Giovani RI-cercatori di senso fra la Regione Marche ed il Ministero delle Politiche giovanili.

Un progetto che reca il marchio di Marche Jazz Network, polo associativo che riunisce Ancona Jazz, Fano Jazz Network e TAM-Tutta un’altra musica, ovvero le più significative realtà della regione attive in ambito jazzistico.

L’altra novità è rappresentata dal fatto che, insieme ai concerti, sono stati organizzati eventi collaterali in stretta relazione e sinergia con le associazioni locali e con Slow Food (condotta di Cagli), che arricchiranno gli appuntamenti musicali con cene, degustazioni enogastronomiche di prodotti a km zero.

C’è poi l’istituzione del Furlo Jazz Award, premio con cadenza annuale che andrà ai migliori musicisti marchigiani e che si terrà ad Acqualagna in concomitanza con la XVII Fiera del tartufo nero pregiato.
Ma veniamo al programma di Jazz ‘in provincia che, come tradizione, propone un’accurata selezione di artisti nazionali ed internazionali, senza trascurare le risorse musicali del territorio presentate all’interno di “Jazz Nelle Marche” (Vol.3).

La rassegna si apre sabato 23 gennaio al Teatro Rossini di Pesaro con The Bad Plus, trio internazionale formatosi nel 2001 su un progetto discografico dell’etichetta spagnola Fresh Sound e che dopo una straordinaria serie di concerti in Usa e Gran Bretagna, ha visto la formazione approdare alla major Columbia Records.

Oggi i Bad Plus (Ethan Iverson al piano, Reid Anderson al contrabbasso e Dave King alla batteria), che vengono definiti “iconoclasti musicali” e “geni e attori in egual misura”, propongono composizioni originali caratterizzate da elementi di poliritmia, arrangiamenti spettacolari, musica seriale e destrutturazione di successi pop.

Il secondo appuntamento è previsto per sabato 30 gennaio al Teatro della Fortuna a Fano. In collaborazione con la Fondazione Teatro della Fortuna e Comune, sarà sul palco uno dei più grandi pianisti del panorama jazz: Enrico Pieranunzi. L’artista romano proporrà il suo nuovo progetto Scarlatti Jazz, omaggio a Domenico Scarlatti compositore e musicista vissuto nel Seicento tra i meno conosciuti della tradizione musicale. Eppure, secondo Pierannunzi, si tratta di un antesignano dell’improvvisazione o meglio dell’improvvisar-componendo che costituisce poi il senso più profondo e affascinante del jazz.

Sabato 13 febbraio al Teatro della Concordia di San Costanzo, sarà di scena Maria Pia De Vito con il progetto Mind the Gap.

La cantante partenopea, vincitrice per il secondo anno consecutivo del premio come miglior cantante jazz, sarà accompagnata da Claudio Filippini al piano, Luca Bulgarelli al contrabbasso e Walter Paoli alla batteria.

Il concerto proporrà sostanzialmente cover che spazieranno da Annie Lennox a Bjork; da Randy Newman a Jimi Hendrix; da Sidsel Endresen a Django Bates. Il tutto rielaborato in chiave jazz con l’aggiunta di composizioni originali.

Sabato 20 febbraio al Teatro Conti di Acqualagna (inizio eccezionalmente alle ore 21), è in programma il concerto Jazz Nelle Marche Vol.3.

La serata, organizzata in collaborazione con l’Assessorato alla cultura del Comune e la Riserva naturale statale Gola del Furlo, sarà dedicata ai migliori musicisti marchigiani: Gianni Giudici e Eugenio “Gege” Giordani in duo al pianoforte. Seguirà il Vittorio Gennari 4tet con protagonista il veterano dei musicisti marchigiani, e poi il quartetto del marimbista e vibrafonista Daniele Di Gregorio che avrà in formazione Massimo Manzi alla batteria. Tutti musicisti che verranno premiati nel corso della serata con il Furlo Jazz Award 2010.

Venerdì 5 marzo al Teatro Bramante di Urbania sarà di scena l’Oz Noy trio con una superformazione che vede Oz Noy alla chitarra, James Genus al basso elettrico e Dave Weckl alla batteria.

Oz Noy è un chitarrista israeliano che ha cominciato la sua carriera a 13 anni. Nel corso della sua intensa attività ha suonato al fianco di Cyndi Lauper, Harry Belafonte, Richard Bona, Mike Manieri. Accanto a lui una vera macchina da guerra: Dave Weckl, idolo dei batteristi di tutto il mondo per la sua tecnica incredibile sprigionata al meglio nell’Acoustic band di Chick Corea.

Sabato 27 marzo si torna al Teatro Conti di Acqualagna con un quartetto di superstar. Di scena il New Quartet di Roberto Gatto. Assieme al batterista romano, una vera e propria istituzione nazionale, ci saranno Emmanuel Bex all’organo Hammond, Francesco Bearzatti al sax e Giovanni Falzone alla tromba.

Gatto ed i suoi valorosi ed originali musicisti proporranno un gioco continuo di citazioni e rimandi che spazierà dalla tradizione del jazz a quella della canzone più nobile e semplice.

Venerdì 9 aprile al Teatro Comunale di Cagli sarà di scena il duo Petra Magoni-Ferruccio Spinetti con Musica Nuda, un classico della musica live italiana. Partita nel 2003 questa esperienza di “voice’n bass” è diventata un appuntamento irrinunciabile per tutti gli amanti della musica acustica.

Cover e classici saranno reinterpretati attraverso le magiche evoluzioni della voce della Magoni e del magico contrabbasso di Ferruccio Spinetti (Avion Travel).

Mercoledì 14 aprile al Teatro Sanzio di Urbino, concerto del quartetto di Joe Locke. Considerato il più straordinario vibrafonista della sua generazione, l’artista americano - dotato di una straordinaria tecnica - sarà accompagnato da Robert Rodriguez al piano, Ricardo Rodriguez al contrabbasso e Johnathan E. Blake alla batteria.

Sabato 17 aprile doppio appuntamento (ore 21 primo spettacolo, ore 22 il secondo) con Lorenzo Tucci Touch, progetto che annovera Fabrizio Bosso alla tromba, Daniele Scannapieco al sax tenore, Luca Mannutza all’organo Hammond e piano Fender oltre alla voce di Alice Ricciardi. Un imperdibile concerto che mescolerà affinità musicali ed esperienze musicali diverse, proponendo samba, funk, latin jazz, bossanova.

Sabato 24 aprile al Teatro della Vittoria di Pennabili, sarà invece di scena Simone Zanchini con il suo Elettronico 5tet. Nel concerto del grande fisarmonicista, realizzato in collaborazione con il Comune e l’Associazione Ultimo Punto, saranno proposti in chiave odierna sonorità del jazz pos-elettrico in cui confluiranno anche rock, funk ed hip-hop. Assieme a Zanchini (fisa midi, live elettronics, lap-top), saranno della partita Giovanni Falzone alla tromba, Mauro Ottolini al trombone, bomardini e basso tuba, Atto Alessi al basso e Cristiano Calcagnile alla batteria.

Sabato 8 maggio (ore 19), concerto di chiusura di Jazz ‘in provincia a Peglio alla restaurata Torre Campanaria con Riccardo Arrighini al piano che proporrà Chopin in Jazz. Dopo Puccini e Vivaldi, Arrighini propone un lavoro dove la musica classica e la lirica si fondono con il jazz. Chopin in Jazz è un progetto che Arrighini aveva in mente da tempo, quando aveva iniziato a cimentarsi con la fusione di questi due mondi musicali.
Tutti i concerti, esclusi quelli indicati, avranno inizio alle ore 21,15.

I possessori della Marche Jazz Card potranno usufruire di sconti sul prezzo dei biglietti dei concerti di Jazz ‘in provincia e di tutti gli altri concerti a pagamento di Parco dei Teatri Jazz.

Ifo: Fano Jazz Network, tel. 0721 820275 o
www.fanojazz.org


Articolo tratto da www.fanoinforma.it

musica
13 gennaio 2010
Jimi Hendrix e Miles Davis: una collaborazione mancata....Ma Falzone li fa incontare

Un mito nostrano della tromba incontra due miti della musica afroamericana “The Jimi Hendrix Experience” il titolo del progetto in cartellone al Teatro Binario 7. A quaranta anni dalla scomparsa del grande Jimi, il jazz elettrico del trombettista Giovanni Falzone non solo ripercorre la produzione di Hendrix, ma tenta di ricostruire quella collaborazione, purtroppo mancata, fra due delle stelle più luminose della musica afroamericana: Jimi Hendrix e Miles Davis. Che genere di suoni avrebbe prodotto l'unione artistica di un gigante del jazz con un gigante del rock?

Purtroppo non abbiamo avuto il modo di saperlo a causa della tragica morte del chitarrista di Seattle, pochi giorni prima del programmato incontro discografico dei due. Giovanni Falzone collabora con Musicamorfosi ideatrice di “Lampi” dal 2005, il prosismo week-end presenta il progetto in prima assoluta e sarò accompagnato dal suo inossidabile Quartetto, le Mosche Elettriche, ovvero: Valerio Scrignoli alla chitarra elettrica, Michele Tacchi al basso e Riccardo Tosi alla batteria. Per lo spettacolo è prevista una tripla replica: 15,16 e17 gennaio cui si aggiunge una replica speciale per le scuole del territorio all’interno del progetto Il Passamusica.
Biglietti: 18 euro intero, 15 euroi ridotto, 6 euro per gli under 18.
www.vivaticket.it, www.musicamorfosi.it


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rock jazz musica spettacoli Miles Davis Jimi Hendrix

permalink | inviato da floppy il 13/1/2010 alle 13:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
spettacoli
13 gennaio 2010
Venerdi' 15 Gennaio - Mosciano Sant'Angelo (TE)


Nick The Nightfly sara' a Mosciano Sant'Angelo venerdi' 15

Nick the Nightfly 5tet...
Dario Rossiglioni: Basso
Daniele Scannapiecco: Sax
Roberto Tarenzi: Pianoforte
Amedeo Ariano: Batteria

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. spettacoli locali jazz Nick the Nightfly

permalink | inviato da floppy il 13/1/2010 alle 7:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
spettacoli
6 gennaio 2010
PAOLO FRESU “MISTICO MEDITERRANEO”



9 GENNAIO 2010

TEATRO DELLE API - PORTO SANT'ELPIDIO

ORE 21,30

PAOLO FRESU “MISTICO MEDITERRANEO”
Paolo Fresu tromba e flicorno, Daniele di Bonaventura bandoneon, A Filetta coro a cappella 

Paolo Fresu
Dopo aver incrociato le musiche della sua terra in progetti come "Sonos 'e memoria" e "Etnografie", il viaggio di Paolo Fresu nei suoni della tradizione approda in Corsica per un suggestivo incontro con la polifonia dell'isola "sorella". Lo accompagna nella traversata Daniele Di Bonaventura col suo bandoneon, strumento d'aria e respiro, anello di congiunzione ideale fra la tromba e le sette voci del coro A Filetta. 

Daniele Di Bonaventura
Compositore-arrangiatore, pianista-bandoneonista, ha sempre coltivato un forte interesse per la musica improvvisata pur avendo una formazione musicale di estrazione classica iniziata a soli 8 anni con lo studio del pianoforte, del violoncello, della composizione e della direzione d'orchestra.

A Filetta
Gruppo faro della polifonia corsa. Il loro repertorio mescola tradizione e rinnovamento, canti antichi cui fanno eco brani originali nati in quasi trent'anni di attività.

BIGLIETTI:
INTERO 15 EURO
RIDOTTO 12 EURO

Per altre info cliccate
qui.

spettacoli
22 dicembre 2009
Dischi Parlanti: Di Battista e Manzi chiudono la prima serie

 Marco Di Battista e Massimo Manzi chiuderanno la prima serie di Dischi Parlanti: i due musicisti saranno i protagonisti della quinta ed ultima puntata, on line da martedì 22 dicembre 2009. Il format, proposto da JCTube, il canale video di Jazz Convention, con la collaborazione di pHtv, può essere seguito su Jazz Convention (www.jazzconvention.net) e nel canale on demand di pHtv (www.phtv.it). Su entrambi i siti restano visibili in podcast le puntate già trasmesse.
Le interviste con Di Battista e Manzi sono state realizzate, rispettivamente, nell'ambito dell'Oro Norcia Festival e del MiFaJazz big Band Festival di Matera.
Dischi Parlanti esplora il rapporto con i dischi delle persone che tutti i giorni suonano, organizzano, si muovono intorno alla musica: dai primi ascolti al rapporto con le nuove tecnologie. Il tutto realizzato attraverso interviste brevi dal montaggio veloce e dal tono conviviale. In ogni puntata sono stati presenti due personaggi. Di volta in volta gli spettatori si troveranno di fronte esperienze diverse per stile, età, genere, provenienza, influenze. Protagonisti delle cinque puntate sono stati (in rigoroso ordine di apparizione): Pierluigi Esposito, Samuele Garofoli, Gino Fortunato, Piero Delle Monache, Dino Plasmati, Aldo Franceschini, Fabrizio Mandolini, Antonello Sorrentino, Marco Di Battista, Massimo Manzi.
La prima serie di Dischi Parlanti ha sperimentato anche una procedura low-fi di ripresa e approccio: tutte le interviste sono state registrate con una web-cam di buona risoluzione, in modo da riportare agli spettatori il tono della chiacchierata tra amici, senza la presenza troppo invasiva di una troupe e con l'immediatezza dell'incontro al margine di un festival o di un concerto.
Sarà possibile vedere le puntate di Dischi Parlanti direttamente dalla home page di Jazz Convention (
www.jazzconvention.net) e su pHtv (www.phtv.it), nella sezione on demand. JCTube è inoltre presente in rete su youtube (www.youtube.com/user/jazzconvention) e su myspace (www.myspace.com/jctube).

spettacoli
2 dicembre 2009
JAZZ : Due appuntamenti a cui non mancherò assolutamente

Jazz a Pescara:

Sabato 5 dicembre alle ore 18.00 presso la Maison des Arts della Fondazione Pescarabruzzo, C.so Umberto I, 83 - Pescara,il 5 Dicembre il jazz di Elmar Schafer & Luigi Candelori Tradizioni Progressive Quartet.

----------------------------

Oh, Jazz Be Good a Mosciano Sant'Angelo:

Giovedì 3 dicembre al Borgo Spoltino country House di Mosciano Rossana Casale (voce inconfondibile del jazz italiano) apugurerà la nuova edizione invernale di Oh, jazz be good!

Si tratta di un concerto inedito dedicato al Natale e al jazz.

Accompagnata da Luigi Bonafede (piano) Aldo Mella (basso) Roberto Regis (sax) e Maurizio Cuccuini (batteria).

GLI APPUNTAMENTI DEL FESTIVAL

3 DICEMBRE, ore 20.30 - ROSSANA CASALE QUINTET PRESENTA MERRY CHRISTMAS IN JAZZ

15 GENNAIO, ore 20.30 - NICK THE NIGHTFLY

4 FEBBRAIO, ore 20.30 - JAZZ IMMERSION CON FABIO CONCATO E PAOLO DI SABATINO TRIO

25 FEBBRAIO ore 20.30 - TANGO OR NOT TANGO CON PAOLO DI SABATINO TRIO, DAVIDE CAVUTI E IL GRAND TANGO ENSAMBLE

12 MARZO, ore 20.30 - QUINTORIGO

9 APRILE, ore 20.30 - PHIL WOODS & GIOVANNI MAZZARINO TRIO


Per questi concerti preparerò: macchina fotografica diitale, videocamera e blocco appunti per gli autografi (in special modo mi interessa il concerto del 9 aprile di Phil Woods con cui spero di farmi una foto insieme a lui + l'autografo)......tutte foto che posterò in questo blog.......quindi rimanete sintonizzati!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. concerti jazz spettacoli

permalink | inviato da floppy il 2/12/2009 alle 23:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
spettacoli
28 novembre 2009
Aversa, esibizione jazz nella stazione del Metrò

Nasce la kermesse «Jazz & Wine - la musica e l'enogastronomia in stazione» due giorni di musica e cibi

CASERTA - Il jazz e la stazione di una metropolitana, due "luoghi" metaforici e fisici della contemporaneità, aperti, liberi, inclusivi la cui funzione è quella di "trasferire" persone, pensieri, concetti, emozioni e quindi favorire l'incontro e la comunicazione sociale a tutto tondo. Ma la contemporaneità ha bisogno anche di una tradizione comunitaria per essere meglio valorizzata; la tradizione dei "sapori" (e "saperi") locali, per esempio. Ecco, dunque, come nasce la kermesse "Jazz & Wine - la musica e l'enogastronomia in stazione" che da giovedì 3 a venerdì 4 dicembre prossimi, a partire dalle ore 19,30, presso la Hall della stazione "Ippodromo" in Viale Kennedy, allieterà gli spettatori, aversani e non, con ben quattro concerti di musica jazz (due per sera) accompagnati da degustazioni di vini e specialità gastronomiche locali e regionali. "Contattati dalla società Metrocampania Nordest, la vera ideatrice-organizzatrice dell'evento - afferma Erika Balsamo, presidente dell'Associazione Musicisti Aversani "Antonio Balsamo" - abbiamo accettato subito e con grande entusiasmo di collaborare con essa all'allestimento di questa kermesse che sposa la buona musica ai prodotti tipici dei nostri territori nell'inconsueta ma affascinante cornice di una stazione della Metropolitana". Ecco il calendario dei concerti: giovedì 3, "Max Puglia Quartet" e "Francesco La Barbera - Dario Franco Duo"; venerdì 4, "Nico Di Battista solo" e l' "Antonio Onorato - Joe Amoruso Project".

Un cartellone, dunque, di tutto rispetto tra nuove proposte, "vecchie glorie" ed almeno una "chicca" rappresentata dall'esibizione (per la prima volta ad Aversa) dell'autentico virtuoso e poliedrico Nico Di Battista, già chitarrista di Dulce Pontes e Solomon Burke, nonché collaboratore di giganti del jazz quali Lester Bowie e Don Moje ed autore-accompagnatore di Mina, Toquinho, Nino Buonocore, James Senese, Eduardo De Crescenzo, Tullio De Piscopo. Essendo, poi, il programma tutto incentrato sulla chitarra jazz (in particolare quella acustica, tipica delle contaminazioni tra musica afro-americana e latino-mediterranea), l'Associazione Musicisti Aversani "Antonio Balsamo" ha voluto dedicare queste due serate alla prossima ricorrenza (nel 2010) del primo centenario della nascita del celebre chitarrista jazz di origini gitane Django Reinhardt per il quale lo stesso sodalizio musicale ha già previsto, tra le sue prossime proposte, uno specifico tributo. Gli spettatori di "Jazz & Wine" potranno accompagnare le note col vino Novello (abbinato alle castagne) ed il vino Asprinio dell' Enoteca "Il Vino", nonché con la mozzarella "doc" del Caseificio "Olimpico". Prevista, oltre alle telecamere di Rai 3 Campania, anche la presenza a sorpresa (top secret!) di qualche ospite di spicco internazionale. L'intera manifestazione è patrocinata dall'Assessorato comunale alla Cultura, Turismo e spettacolo e l'ingresso è, ovviamente, libero....fino a capienza posti e spazi!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. spettacoli musica jazz Aversa Metrò

permalink | inviato da floppy il 28/11/2009 alle 7:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
spettacoli
21 novembre 2009
Alla Casa del Jazz il documentario sulla Atlantic Records


Domenica 22 novembre alla Casa del Jazz, in collaborazione con Roma Jazz Festival, verrà proiettato il film-documentario ATLANTIC RECORDS:THE HOUSE THAT AHMET BUILT scritto e diretto da Susan Steinberg. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Realizzato in occasione dei 60 anni della storica etichetta, il documentario racconta nel dettaglio la storia di una delle labels discografiche piu' importanti nella storia della musica. Il suo creatore Ahmet Ertegun (insieme al fratello Nesuhi) ne e'stato l'assoluto protagonista. La Atlantic Records nasce per la passione di questo ragazzo turco, figlio di diplomatici, che si era trasferito con la famiglia a New York nel 1935. La sua passione per il jazz e la musica nera rende possibile la creazione di un'etichetta discografica indipendente e fortemente innovativa che lascera' un marchio indelebile nel patrimonio culturale americano, esaltandolo. Ertegun è scomparso nel 2006 a 83 anni.

domenica 22 novembre ore 12 (sala concerti)
Atlantic Records –
The House That Ahmet Built
di Susan Steinberg (Stati Uniti, 2007, 114’)
Ingresso libero
In collaborazione con Roma Jazz Festival
Casa del Jazz: viale di Porta Ardeatina, 55
Info: 06/704731


www.atlanticrecords.com


Articolo di Paolo Ansali tratto dal sito www.musicalnews.com

 

musica
17 novembre 2009
ALEXANDERPLATZ JAZZ CLUB - il più antico jazz club d'Italia



Club storico della capitale, l'Alexanderplatz è noto al pubblico per l'intensa attività concertistica che lo ha visto protagonista anche di grandi Jazz Festivals. Il locale si distingue per l'ambiente caldo e mitteleuropeo e l'inconfondibile marchio delle firme e graffiti sui muri dei più prestigiosi jazzisti internazionali. Il jazz club è il posto ideale per coltivare le proprie amicizie, conoscere gente e storie diverse, vivendo sicuramente una serata dalle emozioni particolari. Il locale offre ai propri clienti un servizio cordiale e scrupoloso, una cucina internazionale con forte impronta mediterranea nonché un ottimo American Bar. Coerente con lo spirito di aggregazione della musica, l'Alexanderplatz ha sempre cercato un giusto equilibrio tra qualità e giusti prezzi. 

Sulle mura all'interno del locale potete vedere le dediche autografate lasciate da molti grandi jazzisti italiani e stranieri che vi hanno suonato e in più gigantografie di jazzisti famosi.









Per ulteriori informazioni sulle ricche convenzioni, il programma degli spettacoli etc ... potete visitare direttamente il sito internet del locale

AlexanderPlatz JazzClub - via ostia, 9 - 00192 - Roma
Metro Ottaviano - Zona Prati

www.alexanderplatz.it


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Alexanderplatz jazz club spettacoli jazz musica

permalink | inviato da floppy il 17/11/2009 alle 0:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
spettacoli
7 novembre 2009
'DONNE IN JAZZ', VOCALIST, PIANISTE E SASSOFONISTE IN PRIMA FILA

Roma, 7 nov. (Adnkronos) - Vocalist, pianiste, sassofoniste, contrabbassiste, autrici e compositrici. In sintesi: ''Donne in jazz''. A loro e' dedicata la Rassegna omonima, giunta quest'anno alla settima edizione, in programma da domani al 6 dicembre alle Scuderie Aldobrandini di Frascati. L'iniziativa si svolge nell'ambito del progetto ''ControCanto'', ideato e promosso dalla Fondazione Adkins Chiti: Donne in Musica, in collaborazione con il Comune di Frascati, con il sostegno finanziario dell' Assessorato alle politiche culturali della Provincia di Roma. Un appuntamento consueto per gli appassionati della musica di qualita', un'interessante e progressiva scoperta per quanti vogliano avvicinarsi al Jazz percorrendo un itinerario tutto al femminile. Sono esclusivamente donne, infatti, coloro che hanno composto i brani in programma - musiciste del calibro di Joni Mitchell, Norah Jones, Sade, Rita Marcotulli e Patrizia Scascitelli, ma anche di Alice McLeod Coltrane e Gaia Possenti - e la maggior parte degli esecutori.

Apre la Rassegna, domani alle 18, il Santa Cecilia Vocal Ensemble, composto da artiste che fanno parte del Corso per Musica jazz del Conservatorio di S. Cecilia, con la presenza del Maestro Paolo Damiani. Tra i brani che si potranno ascoltare, oltre a quelli di Gaia Possenti, Carla Bley, Ludovica Manzo e Teichio, vi sono quelli di Joni Mitchell, di Rita Marcotulli, di Vanda Rapisardi e gli arrangiamenti di Nicoletta Nardi e della Possenti da una composizione di Hildegard von Bingen, vissuta nel XII secolo, monaca benedettina e mistica tedesca, venerata come Santa. Una musicista e autrice di primo livello, ma anche scrittrice, cosmologa, poetessa, consigliera politica e profetessa.

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. musica jazz spettacoli donne in jazz

permalink | inviato da floppy il 7/11/2009 alle 22:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
spettacoli
2 novembre 2009
I prossimi appuntamenti del jazz a Torino

Il Jazz Club di piazza Valdo Fusi e i concerti fino a fine anno



Continua la programmazione del Jazz Club Torino, nella nuova - e ormai rodata - sede di Piazza Valdo Fusi. In novembre segnaliamo dal ricco calendario (disponibile sul sito del JCT) Rolff Naked quartet (17 novembre), Dino Piana/Fulvio Albano quintet in un concerto per Gianni Basso (19 novembre) e Stanley Jordan (21 novembre, impegnato sia in live sia in un workshop). In dicembre, Andrea Pozza Classic Jazz feat. Isla Eckinger e Peter Shmidlin (il 3), Multiverse Jazz 4tet (il 10) e il duo Fulvio Chiara/Valter Porro con special guest Giorgio Conte (18 dicembre). Da segnalare anche i concerti della Torino Jazz Orchestra, ora diretta da Dusko Goijkovic della sua versione "youth", riservata ai giovani musicisti.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. jazz Torno spettacoli musica jazz

permalink | inviato da floppy il 2/11/2009 alle 21:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
spettacoli
27 ottobre 2009
Roma Jazz Festival, la 33esima edizione

Sta tornando...il Colossus sta tornando

Nomi italiani importanti come Stefano Bollani, Gabriele Mirabassi, Aires Tango, Stefano Battaglia e internazionali come Richard Galliano e Sonny Rollins. Sono alcune delle presenze confermate nel cartellone della trentatreesima edizione del "Jazz Labels - Roma Jazz Festival". Dall'8 al 30 novembre all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Per info:
www.casajazz.it



www.sonnyrollins.com

spettacoli
17 ottobre 2009
1^ Rassegna del Jazz in video


Due giorni di proiezioni musicali a Palazzo Ducale. Dalla vita di Bix Beiderbecke a Billie Holiday. Aspettando il compleanno di Enrico Rava. Il 19 e 20 ottobre
di Daniele Miggino

Il video è l'ultima fissa di Giorgio Lombardi, patron del Museo del Jazz, che ha lanciato oggi una due giorni di proiezioni per riscoprire i grandi miti del jazz. «Dopo aver organizzato tremila concerti, uno in più o in meno non cambia nulla», dice Lombardi. Il video è invece una nuova scommessa. Ma c'è altro: «nel jazz contemporaneo sono sempre più i musicisti bravi tecnicamente, ma che non danno emozioni. I primi bluesmen, i grandi del jazz come la Holiday, erano incolti, non sapevano leggere la musica, ma sprigionavano emozioni».
La prima Rassegna del Jazz in video si svolgerà lunedì 19 e martedì 20 ottobre 2009 a Palazzo Ducale. Cinque proiezioni (2 lunedì e 3 martedì) che si svolgeranno a Palazzo Ducale (Sala del Minor Consiglio) dalle 18.00 in poi. Tutte ad ingresso libero.

Si parte con Bix (lunedì 19, ore 18), documentario sulla vita di Bix Beiderbecke. Compositore, pianista, cornettista di straordinario talento, ebbe una vita tormentata e breve, ma riuscì comunque a lasciare un segno nella storia del jazz. In serata (lunedì 19, ore 21) il documentario di Lino Patruno dal titolo Dixieland oggi. Si tratta di spezzoni delle sue trasmissioni in cui racconta le tournée dei grandi jazzisti americani in Italia, dagli anni Settanta a oggi.

Martedì 20 saranno tre i filmati. Alle 18 Jazz cartoons, l'incontro con il cartoonist Riccardo Maneglia, che presenta le sue videoanimazioni su una colonna sonora rigorosamente jazz. Alle 19 l'appuntamento forse più importante della rassegna. Un film fuori commercio sulla vita di Billie Holiday, ideato in occasione del cinquantenario della sua scomparsa. Spezzoni inediti, interviste, immagini d'epoca ricostruiscono quella che forse più di tanti altri è la figura chiave del jazz. Si chiude con Il Canto jazz (ore 21) antologia curata da Guido Michelone con tanti miti jazz da Bessie Smith a Louis Armstrong, da Fats Waller a Nat King Cole, da Frank Sinatra a Ray Charles.

Ma gli appuntamenti con la musica jazz proseguono fino al 2010 con la serie di concerti, proiezioni e incontri il cui programma vedete qui a lato. Il 24 novembre si festeggiano,per esempio i 70 anni di uno dei più grandi trombettisti italiani, tra i grandi anche a livello internazionale - Enrico Rava - che sarà a Genova non per suonare, ma per vedere insieme al pubblico una serie di filmati dedicati alla sua carriera.

Articolo tratto dal sito mentelocale.it


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. jazz video rassegna Enrico Rva musica spettacoli

permalink | inviato da floppy il 17/10/2009 alle 10:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
musica
5 ottobre 2009
Jazz Convention lancia Dischi Parlanti


JCTube, il canale video di Jazz Convention, in collaborazione con pHtv, lancia Dischi Parlanti: i protagonisti del jazz e della scena musicale italiana raccontano il loro rapporto con i dischi. L'idea è semplice: chiedere alle persone che tutti i giorni suonano, organizzano, si muovono intorno alla musica quali siano stati i primi passi da ascoltatori, ancor prima di diventare professionisti o di sentirsi coinvolti in maniera profonda nel mondo della musica. Anche la realizzazione è semplice: interviste brevi, un montaggio veloce, il tono conviviale. Una chiacchierata insomma intorno alla musica, ai dischi e all'evoluzione del modo di ascoltare e avvicinarsi alla musica, dagli eroi dei primi ascolti fino all'ultimo disco sentito prima dell'intervista. In ogni puntata saranno presenti due personaggi. Di volta in volta gli spettatori si troveranno di fronte esperienze diverse per stile, età, genere, provenienza, influenze. Protagonisti delle cinque puntate sono (in rigoroso ordine di apparizione): Pierluigi Esposito, Samuele Garofoli, Gino Fortunato, Piero Delle Monache, Dino Plasmati, Aldo Franceschini, Fabrizio Mandolini, Antonello Sorrentino, Marco Di Battista, Massimo Manzi.

La prima serie di Dischi Parlanti sperimenta anche una procedura low-fi di ripresa e approccio: tutte le interviste sono state registrate con una web-cam di buona risoluzione, in modo da riportare agli spettatori il tono della chiacchierata tra amici, senza la presenza troppo invasiva di una troupe e con l'immediatezza dell'incontro al margine di un festival o di un concerto.

Sarà possibile vedere le puntate di Dischi Parlanti direttamente dalla home page di Jazz Convention (www.jazzconvention.net) e su pHtv (www.phtv.it), nella sezione on demand. JCTube è inoltre presente in rete su youtube (www.youtube.com/user/jazzconvention) e su myspace (www.myspace.com/jctube).

Fabio Ciminiera

Articolo tratto dal sito tuttoabruzzo.it


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. jazz jazz convention musica spettacoli

permalink | inviato da floppy il 5/10/2009 alle 22:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
spettacoli
30 settembre 2009
Riapre l'Alexanderplatz dal 1 ottobre con il Latin Mood di Bosso e Girotto


Da giovedi' 1 ottobre riapre l'Alexanderplatz, il jazz club più antico d'Italia, che inizia la stagione con un doppio concerto (1 e 2 ottobre) del progetto "Latin Mood" di Fabrizio Bosso e Javier Girotto (nella foto), tra i prossimi appuntamenti Robin Eubanks e Miles Griffith.

Con l’arrivo dell’autunno, puntuale ogni anno, ricomincia la stagione dell’Alexanderplatz di Roma.
Il club italiano più conosciuto all’estero proporrà, sette giorni su sette, concerti jazz con artisti e miti che hanno fatto la storia del jazz e con nuovi talenti, italiani e non, che rinnovano con intelligenza la musica Afro-Americana.
XXVII anni di grande musica hanno reso il club un “tempio” per i cultori del jazz.
Vedere per credere: i muri dell’Alexanderplatz parlano! Le firme dei più grandi artisti che hanno fatto storia lo testimoniano sui muri del club: una sorta di museo graffito della storia del jazz, unico al mondo. Chet Baker, Ray Brown, Winton Marsalis, Steve Gadd, Billy Cobham, Steve Turre, Joe Levano, Joe Henderson, Michael Brecker, Massimo Urbani, Wayne Shorter, Cedar Walton sono solo alcuni dei nomi che hanno calcato il palco del club segnando la storia dell’Alexanderplatz. Quasi trent’anni di musica Afro-Americana ed è naturale che il club sia oggi un importante punto d’incontro che ha contribuito alla storia e alla crescita del jazz italiano consacrando Roma “capitale del jazz”!
Dal 1982 ad oggi, si continua a programmare musica con la stessa filosofia: appassionare e coinvolgere il pubblico nel meraviglioso mondo del jazz offrendo proposte musicali legate a nomi italiani e internazionali.

Down Beat, la più prestigiosa e autorevole rivista musicale statunitense, ha dedicato diversi servizi al club a firma di uno dei più autorevoli giornalisti in campo jazzistico internazionale: Ira Gitler. E’ un vanto per l’Alexanderplatz far parte della classifica dei migliori Jazz Club del mondo stilata dalla rivista.

Si apre la stagione con il “Latin Mood” di Javier Girotto e Fabrizio Bosso in cui il mondo latino incontra l’universo del jazz! Un progetto importante ed una scelta ponderata dalla direzione artistica del club che metterà in primo piano, durante la stagione, le contaminazioni del jazz con il variegato universo musicale con cui questa musica si incontra e si scontra.
Da ottobre a giugno, ci sarà spazio per le avanguardie, per le riletture dei grandi classici, per il jazz manouche, in occasione del centenario della nascita di Django Reinhardt, per le atmosfere newyorchesi e, ovviamente, non mancheranno i progetti dei leader italiani. Si comincia con un incontro con il mondo latino che, in tutti i suoi aspetti, non è più ormai un semplice esotismo ma una grande realtà sociale, linguistica, culturale che si riflette in misura sempre più notevole anche sul jazz che per sua propria natura da sempre è portato a cogliere con largo anticipo i mutamenti della vita culturale e del mondo popolare.

Scelte stilistiche a parte, squadra vincente non si cambia! Gli habituè del club ritroveranno l’atmosfera intima e calda di sempre in cui ascoltare musica, cenare a lume di candela, bere vino o whiskey invecchiato.

I PROTAGONISTI DI OTTOBRE:
Si apre con il “Latin Mood” di Javier Girotto e Fabrizio Bosso. Nei primi giorni gli artisiti italiani faranno da padroni di casa: dal talentuso Daniele Tittarelli con il suo quartetto al pianista Roberto Tarenzi fino alla storica formazione Dixieland di Riccardo Biseo e Gianni Sanjust. Dal 14 al 17 ottobre, Pippo Matino con Daniele Scannapieco e Claudio Romano suoneranno con il grande trombonista americano Robin Eubanks, il 21 ottobre, dominerà la serata del club, la voce del newyorchese Miles Griffith e, dal 22 al 24, da New York, per la prima volta in Italia, arriveranno in quintetto i sassofonisti Ralph Lalama e Gary Smulyan.
Si chiude in bellezza con il “Rendez Vous” 4et di Riccardo Del Fra e Maurizio Giammarco (dal 29 al 31 ottobre): due colonne portanti del jazz dagli anni ’70.

C’è grande attesa per il “ritorno” di Sarah Jane Morris a novembre!


L’APERTURA:
GIOVEDì 1 OTTOBRE & VENERDì 2 OTTOBRE
FABRIZIO BOSSO & JAVIER GIROTTO "LATIN MOOD"
Tango, milonga, chacarera, candombe, il tutto vive e splende in chiave jazzistica, ora enunciato ora accennato: questa è l’essenza di Latin Mood. Il quintetto, davvero una somma di astri del jazz, si avvale di due figure leader: da un lato il torinese Fabrizio Bosso, dall’altro l’argentino Javier Girotto, italiano d’adozione. Si incontrano così, nel terreno fertile dell’improvvisazione e del jazz, estetiche apparentemente lontane, l’hard bop di cui Bosso è alfiere indiscusso e gli influssi latini e le ritmiche argentine, dal tango in giù, di Girotto. Ma in realtà ognuno di loro ha da sempre dimostrato affinità ed interessi nell’ambito espressivo dell’altro, riuscendo ad esprimere, all’interno di questa formazione, una sintesi sonora completa, che rimbalza su linguaggi sonori misti i quali sono tutti contenuti nel grande esordio discografico sottoscritto dalla Blue Note Italia, “Sol”. Musica coinvolgente, ballabile o meno, si viene presto contagiati innamorandosene.
In repertorio brani originali firmati da Javier Girotto, Natalio Mangalavite – il pianista proprio non poteva mancare in un progetto del genere –, Fabrizio Bosso e poi la splendida canzone cubana di Osvaldo Farrés, Quizàs, quizàs, quizàs che molti ricorderanno col titolo inglese Perhaps, perhaps, perhaps. O ancora Volver di Carlos Gardel e Alfredo Le Pera e qualche altra magica trovata. Per la serata all’Alexanderplatz completano la formazione Luca Bulgarelli al basso elettrico e Lorenzo Tucci alla batteria.
Fabrizio Bosso: tromba
Javier Girotto: sax soprano, baritono
Natalio Mangalavite: piano
Luca Bulgarelli: contrabbasso
Lorenzo Tucci: batteria

INFO:
Alexanderplatz
Via Ostia, 9 – ROMA (ZONA PRATI)
www.alexanderplatz.it
tel. 06 39742171
APERTURA ore 20.30
INIZIO CONCERTI ore 22.00
Ingresso con tessera associativa

CONTATTI UFFICIO STAMPA
Fabrizia Ferrazzoli


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. jazz spettacoli jazz club Alexander Platz

permalink | inviato da floppy il 30/9/2009 alle 20:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
spettacoli
5 settembre 2009
Stasera c’è Nancy King icona della musica Jazz


Alla Casa del Jazz stasera è il turno di Nancy King, anche detta «l’artista senza compromessi», sulla scena già dagli anni Sessanta. Con lei il pianista-compositore Steve Christofferson, che è al suo fianco dal 1978. I due hanno alle spalle album come «Perennial» e «Straight into your heart». Nel 2001 Nancy fu anche inserita nella «Hall of Fame» della Jazz society dell’Oregon. Dopo di lei si esibirà un trio che prende il nome da Salvatore Russo, chitarrista di fama internazionale. 

www.nancykingjazz.com


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. jazz spettacoli casa del jazz canto jazz

permalink | inviato da floppy il 5/9/2009 alle 9:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
spettacoli
3 settembre 2009
Blue Note di Milano - stagione 2009/2010

il jazz club Blue Note di Milano (Via Borsieri 37)

Stasera Luca Jurman inaugurerà la nuova stagione del Blue Note di Milano (Vai Borsieri 37) accompagnato da Mario Biondi e Valerio Scanu.

Il cartellone di questa stagione presenta concerti di rilevanza assoluta come dimostrano alcuni degli artisti già confermati, tra cui Big One – Pink Floyd Tribute, Michele di Toro, Chucho Valdés Quintet, Freddy Cole, 5 Woman 4 Jazz, James Taylor Quartet, Alessandro Francesio Trio, Coryell Auger Sample Trio, Swing Out Sister, Bebo Ferra quartetto LUAR feat. Rita Marcotulli, Dirotta su Cuba, Ottmar Liebert, Ahmad Jamal, Patrizia Laquidara, Lokomotion, Nerolidio, Basia, Tania Maria, Cecilia Chailly, Gianmaria Testa, Nick the Nightfly & the Montecarlo Nights Orchestra, Brian Auger, Alain Clark, Kurt Elling con Ernie Watts, Corea Clarke White, Bill Frisell, Dizzy Gillespie All Stars, Victor Bailey, Lionel Loueke, Chris Botti, Sonata Island feat. Tino Tracanna, Mike Stern Group, Mimmo Locasciulli, Brad Mehldau Trio, Lee Ritenour, Joe Robinson, il trio Phillips, Saisse Palladino e Marcus Miller.

www.bluenotemilano.com

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. jazz spettacoli Blue Note jazz club

permalink | inviato da floppy il 3/9/2009 alle 18:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
spettacoli
26 agosto 2009
A settembre c'e' l'Ischia Jazz Festival

Tanti i nomi previsti, da Cobham, a Marcotulli a Tania Maria
(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 22 AGO - Celebri nomi del jazz per la XI Edizione di Ischia Jazz Festival in programma dal 3 al 6 settembre.Un programma di 'puro' jazz con poche contaminazioni che vedra' alternarsi sul palco della Pineta Mirtina e poi su quello della Riva Destra molti fra i piu' famosi musicisti jazz introdotti dal critico Gino Castaldo. Nomi come Billy Cobham, Cedar Walton, Rita Marcotulli, Pippo Matino e Amit Chatterjee, Tania Maria, Amana Melome'. 


Billy Cobham


Cedar Walton


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. jazz spettacoli Ischia Jazz Festival

permalink | inviato da floppy il 26/8/2009 alle 1:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
spettacoli
12 agosto 2009
Il nuovo tour di Stefano Di Battista


Stefano Di Battista, uno dei più celebri sassofonisti italiani, sta girando l’Italia con la sua nuova band per una serie di concerti jazz: il 23 agosto sarà al Tarquinia Festival e il 29 a "Life in Gubbio", poi è in programma un concerto in Abruzzo..

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. jazz spettacoli Stefano Di Battista

permalink | inviato da floppy il 12/8/2009 alle 11:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
spettacoli
4 agosto 2009
Concerti sotto le stelle. Tutto pronto al Porto turistico di Pescara


PESCARA - Jazz di confine, avanguardie stilistiche, musica e danza, musica e teatro, nuovi progetti, ma soprattutto contaminazioni per Concerti sotto le Stelle 2009, il festival internazionale di world music firmato dall'Associazione Mario Castelnuovo-Tedesco e dal Marina di Pescara s.rl.. Ospitato nel suggestivo Porto Turistico, uno dei luoghi più belli e affascinanti della città di Pescara, la 16esima edizione si sviluppa dal 5 al 23 Agosto attraverso 10 appuntamenti serali dagli altissimi contenuti artistici.

Grande spazio è riservato ai miti del jazz americano, quindi alle varie etnie europee e un particolare momento è affidato a musicisti e formazioni orchestrali abruzzesi di nuova generazione, che mostrano passione, talento e originalità.

Il 5 agosto il concerto d’apertura omaggia i 75 anni del percussionista di New York Ray Mantilla, il leone del latin jazz, con uno spettacolo di raffinata bellezza e di ritmo. I musicisti che lo accompagnano sono tra gli artisti più importanti con cui Ray ha scritto la storia della musica afro-americana.

Il 7 agosto, con un repertorio altamente virtuosistico fatto di melodie struggenti e passionali, salirà sul palco Daniela Romacker, tedesca di Mannheim, oggi considerata la più importante violinista etnico-tzigana.

Il 9 agosto è la volta di Bobby Watson. Tra i più grandi maestri del jazz americano, il compositore e sassofonista contralto di Kansas City duetterà con Maurizio Di Fulvio, chitarrista abruzzese in costante ascesa, tra i più interessanti ed innovativi del panorama musicale contemporaneo.

L’11 agosto vedrà protagonisti i fratelli Paco e Josè Manuel Cuenca, direttori artistici del Museo Andrés Segovia a Linares (Andalucia - Spagna), tempio mondiale della chitarra. Con la bellissima e colorata ballerina Raquel Parrilla presentano un viaggio all’interno della grande tradizione spagnola.

Il 13 agosto va in scena Kay McCarthy, l'ambasciatrice del folk irlandese in Italia. Minuta ed energica, determinata ed ironica, con voce limpida e possente, canta la sua Irlanda: politica e folk si intrecciano in un repertorio variegato, che non dimentica l'aspetto leggendario, mitico, arcaico e mistico.

Il 17 agosto la bravissima cantante milanese Elena Filini e lo straordinario Duo DissonAnce, presentano un inedito melange fatto di vocalità mediterranea e cancion classica. Tra tanghi, milonghe e valzer il Trio propone un cocktail ideale di musica, virtuosismo e bellezza.

Il 18 agosto tocca all’Orchestra “Duchi d’Acquaviva”. Costituta dalle prime parti delle migliori orchestre italiane e diretta da Nataliya Gonchak, giovane musicista dell’Ucraina dell’Ovest, propone un programma brillante e moderno, da Grieg a Piazzolla, passando per Britten.

Il 20 agosto a raccogliere la staffetta è l’Orchestra femminile del Mediterraneo, definita da Donato Renzetti ”bellissima rivelazione” abruzzese. Ha esordito davanti alla Principessa Wijidan Al-Hashemi, Ambasciatore di Giordania, la quale gli ha conferito un significativo riconoscimento.

Il 22 agosto arrivano le straordinarie Boop Sisters, tre cantanti italiane, dallo swing morbido e raffinato, sempre leggibile, divertente, che evoca l'atmosfera mitica delle sale da ballo americane degli anni ’30. Soliste tra l’altro dell’Orchestra di Arbore, che a sua volta ha cantato nel loro ultimo cd.

Il 23 agosto il festival chiude i battenti con l’olandese Stochelo Rosenberg, il più grande erede dello stile gipsy jazz di Django Reinhardt. Con il singolare e meraviglioso fraseggio musicale, fatto di virtuosismo e melodia, Stochelo è ormai a pieno diritto una leggenda vivente della chitarra.


Notizia tratta dal sito
www.pagineabruzzo.it

sfoglia
  

Rubriche
Link
LINK DI PESCA SPORTIVA
Pesca On Line
Pesca in Mare
Caccia e pesca TV
Pescare net
Pesca e nautica
Surfcasting on line
Surfcasting e dintorni
The surf channel
Calabria pesca on line
Calabria Pesca
Pesca TV
Spinning On Line
Planet Spin
Pescare nel Mondo
Sport pesca spinning
Itinerari di pesca
Pesca Abruzzo
Pescara Pescando
Tecnolenza Adriatica
4venti Il portale per la pesca in mare
2anglers La pesca sportiva on line
Black Bass & Co. Tutto sulla pesca al lancio
F.I.P.S.A.S.
Pescare On Line
Pescare
Pesca Ok
Hobby pesca
------------------
RICERCA SUL WEB
Google
Yahoo
Virgilio
M S N
--------------------
UTILITA' E SERVIZI
Codice Civile
Codice Stradale
Codice Penale
Codice Fiscale
Enciclopedia Universale
Enciclpedia Medica
Pagine Bianche
Pagine Gialle
Pagine Utili
Orario Ferroviario
Stradario d'Italia
Poste Italiane
Finanze
Polizia di Stato
Edison
Enel
Telecom Italia
T I M
Rosso Alice
I.N.P.S.
I.N.A.I.L.
I.C.I.
INPDAP
CAP postali
--------------------
INFORMAZIONE
Tg5
Tgcom
Rai
Il Centro
Il Sole 24 ore
La7
La Repubblica
Il Tempo
L'Unità
Il Corriere della Sera
Il Messaggero
--------------------
L A V O R O
Adecco
Bollettino
Concorsi
Giovani Imprenditori
Informa Giovani
Jobline
Obiettivi
Informagiovani Giulianova
-------------------
DA VISITARE
Giorgius (esplorando il cyberspace)
Sebastiano (il matematico)
CeceniaSOS
Barfly blog
------------------
V A R I E
Tortoreto (TE)
Comune Tortoreto (TE)
Parco Nazionale D'Abruzzo
IL portale degli Abruzzesi
Abbruzzo social forum
Abruzzo città
Villa Pini D'Abruzzo (la clinica dove lavora mia sorella come fisioterapista)
Università degli studi di Teramo
Regione Abruzzo
Tutto Abruzzo
Abruzzo natura
Abruzzo Federvolley
Emanuela Falcetti (italiaistruzioniperluso)
Charlie Chaplin
Red Bull
Daddo (il portale multietnico)
Virtual Dj
Alinvolo (iniziative per la lotta all'Aids)
Almamegretta
Raiz
24grana
Quasi quasi ...
-----------------
MUSICA JAZZ
All About Jazz Italia
Sax on the Web
Jazzit (link di musica jazz)
Jazzos (portale di acquisti on line di prodotti inerenti la musica jazz)
Music Club (mensile di musica e concerti)
ACCUJAZZ (radio)
Jazz Convention
-------------------
CONSERVATORI E SCUOLE MUSICALI
Conservatorio di Roma
Conservatorio di L'Aquila
Istituto Braga di Teramo
Conservatorio di Fermo
Scuola Giocond di S.Benedetto T.
------------------
UN PO' DI CRISTIANESIMO
Radio Vaticana
Chiese teramane
Chiesa Della Madonna Dello Splendore di Giulianova Paese
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Test your Internet connection speed at Speedtest.net

by Blografando&BW
Gioco Skateboard in città - Street sesh
Bel gioco di SkateBoard per effettuare acrobazie urbane in mezzo a veicoli vari, con scalinate da superare e rampe da usare per scavalcare camion e automobili.
QUI POTETE SEGUIRMI IN DIRETTA STREAMING QUANDO SONO ONLINE

Streaming video by Ustream
Partecipa al Sondaggio!
Chi è il tuo sassofonista preferito?
Risultati
Partecipa al Sondaggio!
In genere mi piace maggiormente ascoltare della buona musica jazz....
Risultati
JOHN COLTRANE MUSIC PLAYER Per un migliore ascolto delle radio e dei video sottostanti
mettere in pausa il player sovrastante


PESCA WEB TV STREAMING
Watch live streaming video from pescatv at livestream.com
Trabucco Fishing / Articoli e prodotti per la pesca sportiva e agonistica VIDEO MUSICALI

Visualizzazione ingrandita della mappa --------------------------------- Il jazz è molto più di una semplice forma musicale....il jazz è arte, cultura, conoscenza (me stesso) ----------- Miles Davis was the "Picasso of Jazz," reinventing himself and his sound endlessly in his musical quest. He was an artist that defied (and despised) categorization, yet he was the forerunner and innovator of many distinct and important musical movements. ----------- Il pugilato è come il jazz: più è buono e meno la gente l'apprezza. ~ George Foreman ----------- l'arte è espressione di sè. Se stai esprimendo la personalità di qualcun altro non è arte. Bennie Wallace ----------- L'improvvisazione è l'abilità di parlare a se stessi Cecil Taylor ----------- Il jazz è quel genere musicale che può assorbire un sacco di cose ed essere ancora jazz. Sonny Rollins ----------- AFORISMI DI MILES DAVIS: Prima lascia che io lo suoni, poi più tardi te lo spiegherò. La musica è diventata densa. Mi danno dei pezzi pieni d'accordi e io non li so suonare. Nel jazz sta prendendo piede una tendenza ad allontanarsi dal giro convenzionale degli accordi, e una rinnovata enfasi delle varizioni melodiche e armoniche. La musica e la vita sono solo questioni di stile. Non temere gli errori. Non ce ne sono. Non suonare quello che c'è. Suona quello che non c'è. È stato sempre un mio dono quello di saper ascoltare la musica. Non so da dove viene. C'è e non mi faccio domande. Perché suonare tutte queste note quando possiamo suonare solo le migliori? Un mito è un vecchio col bastone che viene ricordato per quello che faceva una volta. Io lo sto ancora facendo. Non esistono note sbagliate. ----------- Cos'è il Jazz? Amico, se lo devi chiedere, non lo saprai mai. Louis Armstrong ----------- In genere, il jazz è sempre stato simile al tipo d'uomo con cui non vorreste far uscire vostra figlia. Duke Ellington ----------- Il jazz non è morto, ha solo un odore un po' curioso. Frank Zappa ----------- La musica è la tua propria esperienza,i tuoi pensieri,la tua saggezza. Se non la vivi, non verrà MAI fuori dal tuo strumento Charlie Parker ----------- Il Jazz è l'unica musica in cui la stessa nota può essere suonata in ogni serata, ma sempre in modo diverso. Ornette Coleman ----------- Credo che la cosa più importante per un musicista sia quella di trasmettere a chi lo ascolta un'immagine di tutte le cose meravigliose che sente e avverte nell'universo. Questo è ciò che la musica significa per me, semplicemente una possibilità, tra le molte altre, di dire che viviamo in un mondo immenso e meraviglioso, un mondo che ci è stato donato John Coltrane ----------- Devi amare per poter suonare. Louis Amstrong ----------- Suona , suona sempre anche senza strumento. Lee Koniz ----------- Un giovane sassofonista si lamentava con me del fatto che ascoltare Coleman Hawkins lo innervosiva. Gli ho risposto: "Coleman Hawkins deve renderti nervoso! Hawkins ha innervosito tutti i sassofonisti degli ultimi quarant'anni!". Cannonball Adderley ----------- "Il sassofono non è solo qualcosa in cui soffiare; esso è qualcosa con cui cantare" Paul Brodie ----------- Mi voltai e c'era Bird, conciato peggio di una merda, con la faccia gonfia, gli occhi arrossati e l'aria di aver dormito nei suoi vestiti spiegazzati per giorni. Ma era fico, con quell'aria hip che gli riusciva di avere anche quando era ubriaco e drogato Miles Davis ----------- La musica lava via la polvere della vita quotidiana Art Blakey ----------- Il jazz è conosciuto in tutto il mondo come una forma d'arte musicale americana e così è. Niente America, niente jazz. Ho visto persone cercare di collegarlo ad altri paesi, per esempio all'Africa, ma non ha niente a che fare con l'Africa. Art Blakey ----------- Ci ho messo tutta la vita ad imparare cosa non si deve suonare. dizzy Gillespie ----------- Il blues non serve a far stare meglio te,serve a far star peggio ki ti ascolta!!! Gengive sanguinanti Murphy- Simpson - Lisa sogna il Blues ----------- se gradite uno strumento che canta,suonate il sassofono.relativamente è come la voce umana. Stan Getz ----------- "Come nuovo, uno dei migliori fegati contemporanei. A bagno nel Dewar (una marca di whisky) e scoppia di salute". paul desmond il giorno in cui gli diagnosticarono un tumore al polmone ----------- "e in culo anche il jazz" Novecento A. Baricco ----------- "io non sono quello che faccio, faccio quello che sono". Miles Davis ----------- "la vita senza la musica sarebbe un errore, ma anche la musica senza la vita sarebbe un errore!" Wayne Shorter ----------- L'unica rabbia che posso provare è verso di me, quando non riesco a suonare quello che voglio (J. Coltrane) ----------- 'Play it in the key of your soul' "Suonala nella chiave della tua Anima" Charles Mingus ----------- "Il jazz, se si vuole chiamarlo così, è un'espressione musicale; e questa musica è per me espressione degli ideali più alti. C'è dunque bisogno di fratellanza, e credo che con la fratellanza non ci sarebbe povertà. E con la fratellanza non ci sarebbe nemmeno la guerra" John Coltrane -----------

 Questo blog è contro la blacklist
ed eventuali commenti anonimi
(o non anonimi) che conterranno
turpiloqui e bestemmie verranno
(forse) cancellati.


Questo blog lo dedico alla memoria
di Fausto Papetti, scomparso nel 1999
nella quasi indifferenza. Eppure è stato
e rimarrà sempre il più grande
sassofonista che abbiamo avuto in Italia
e che pochi hanno saputo apprezzare,
specialmente le nuove generazioni.










 



 


























 

 

 

 



 


 

 

 

 

 




























 



























 

 






































IL CANNOCCHIALE