.
Annunci online

floppy
Tu che oggi parli male di me ... Ieri sparlavi degli altri .... Minkia, si veru infami
SPORT
22 agosto 2012
Il Tag and release nella pesca dello squalo in Sud Africa (shark fishing)

Squalo martello pescato dalla spiaggia (foto presa da internet)

 

Cos'è il "Tag and release"

Quando lo squalo viene catturato si applica vicino alla dorsale un cilindro in copolimero plastico di 15cm con chip e numero identificativo di riconoscimento. Ogni squalo taggato non può essere più pescato a fini commerciali e a fini ricreativi ci sono precisi obblighi. Gli squali taggati divengono proprietà dello stato sud africano e sono posti sotto rigida tutela.

SPORT
10 maggio 2012
VIDEO : cattura di squalo Mako con spettacolari salti fuori dall'acqua
SPORT
14 marzo 2012
Blacktip Shark Fishing (Light Tackle)

VIDEO:
http://www.youtube.com/watch?v=DveZNom8sNg


We decided to try the lightest possible reels against these beasts. After getting cut off 6 times we finally landed one. Landed him on a Avet MXL 5.8 MC with 300 yds braid backing and 30 lb mono topshot.

Reels Used: Avet MXL 5.8 MC, Avet MXL 5.8 MC, Saragosa 18000
Rods Used: Custom Gator Glass Rods
Bait: Bonita
Rigs: 6 ft of 500lb mono to 124 lb Single Strand Wire to a 15/0 Circle Hook.

Thanks for watching!

-InfinityFishingTeam

SPORT
2 febbraio 2012
Vittorio Azzano di ritorno da Capo Verde
SCIENZA
11 dicembre 2011
Nuotare fianco a fianco con gli squali Tigre

 

Dalla pagina facebook di Vittorio Azzano

"Gli squali ti scelgono, ti riconscono, ti aspettano pazienti. Sono loro che decidono unicamente chi sta sopra e chi è il privilegiato nuotandogli fianco a fianco. E. Hamingway" Naso con naso con una grande femmina di tigre.

 

SCIENZA
4 dicembre 2011
National Geographic, esperimento squali pericolosi

Nella foto uno squalo grigio di barriera

 

Gli squali sono veramente pericolosi? Incredibilmente National Geographic ha voluto dare risposta a questa domanda facendo dei veri e propri esperimenti pericolosissimi.. Mostrati in diretta il 25 novembre su National Geopgrahic (in inglese) ma disponibili anche (in parte) sul web….
 L’incredibile esperimento di National Geographic
 A 18 anni dall’incredibile e insensato attacco al cameraman di National Geographic, la famosa organizzazione mondiale scientifica ha mostrato in diretta il 25 novembre una serie di esperimenti avvenuti in Sud Africa che hanno messo in pericolo la vita di 8 esperti di National Geographic. Gli esperimenti, a cui Nat Geo ha dedicato una pagina apposita, hanno visto 8 esperti di National Geographic eseguire una serie di test pratici, tra cui lo splash test (ovvero nuotare bruscamente sull’acqua), il test con materiali luccicanti oppure persino il test in bikini. Puoi vedere ben 19 video in questa pagina dedicata allo speciale.
 Tutti i test hanno dato esito positivo, ovvero nessuno squalo ha attaccato, e ovviamente non c’è stato alcun trucco. E allora come mai si dice che gli squali siano così pericolosi? Lo scopo di National Geographic è stato proprio quello di rassicurare la gente riguardo la pericolosità degli squali, ovvero che gli squali attaccano solo in condizioni di necessità, e quindi attaccano quando nell’area in cui si trovano non c’è più pesce da mangiare, mirando così agli umani. Il problema della mancanza di pesce è causato principalmente dalla pesca eccessiva, che avviene in molti mari infestati da squali. Non a caso gli esperimenti sono stati fatti in Sud Africa, dove non sono presenti molti pesci mangiati dagli umani (in Sud Africa gli squali si cibano prevalentemente di pinguini e foche) e dove comunque la pesca è limitata. Poi ci possono essere altri problemi, ad esempio in Egitto nel 2010 gli squali che hanno ucciso una tedesca e ferito gravemente quattro russi non sono stati spinti dalla mancanza di cibo, bensì gli attacchi sono stati causati dalla festa islamica avvenuta in Egitto a base di carne di montone, dopo la festa infatti le carcasse della carne sono state gettate in mare.
 Conosco personalmente dei sub che si sono immersi tranquillamente senza gabbia in Sud Africa e posso confermare che, secondo le loro esperienze, se gli squali attaccano è per un preciso motivo e non per pura casualità. E “il preciso motivo” spesso è causato da un comportamento degli umani.


Tratto da http://insidelife.mondoraro.org/

cinema
4 novembre 2011
Un nuovo film sugli squali "SHARK NIGHT 3D"

Ecco alcune immagini del film

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trailer del film
http://www.youtube.com/watch?v=V_Wwpe4gCM4

SCIENZA
27 agosto 2011
Distribuzione dello squalo bianco nel mondo

Da come potete vedere nella cartina, lo squalo bianco è presente anche nel Mediterraneo.

Lontano le coste della Sicilia, c'è il triangolo del mediterraneo, ovvero un punto dove gli squali bianchi si ritrovano per riprodurre.

SCIENZA
13 agosto 2011
Squali nel Mediterraneo

Nel Mediterraneo sono presenti 45 specie di squali di cui 14 potenzialmente pericolose per l’uomo, ma nella pratica, solo il famoso Squalo Bianco è annoverato nella statistica per attacchi all’uomo.

La specie più grande presente nel Mediterraneo è il Cethorinus Maximus, ovvero squalo elefante, che raggiunge i 9/10 metri di lunghezza. Si nutre esclusivamente di plancton. Sono 15 le specie “nostrane” che possono raggiungere i 3 metri di lunghezza.

Il Mediterraneo contiene il famoso triangolo, sede della nursey degli squali bianchi, si trova nel Canale di Sicilia ed è il luogo dove si riproducono.

Proprio nelle acque vicine a Malta fu pescato l’esemplare femmina più grande del mondo.

Nonostante questo, l’incontro con uno squalo bianco è rarissimo, e anche a cercarlo hai pochissime probabilità di incontrarlo, questo perché è una specie molto schiva, così come un po’ tutte le specie di squalo, e anche per l’eliminazione sistematica di questo predatore che lo ha ormai portato sull’orlo dell’estinzione. A questo proposito vorrei citare la ricerca del dott. Ferretti, secondo la quale gli squali nel Mediterraneo stanno ormai scomparendo, alcuni hanno un deficit del 99,99%!!!


SPORT
10 agosto 2011
Surfcasting allo squalo

VIDEO :

1) Surfcasting in Namibia : La cattura e il rilascio di un grosso squalo della specie Carcarino ramato, detto anche Bronze Whaler o Narrowtooth.

http://www.youtube.com/watch?v=FLpyp-EtXnA 


2) Sharkfishing: Sand Tiger shark : La cattura di una femmina di Sand Tiger Shark a Port Elizabeth, Sud Africa

http://www.youtube.com/watch?v=Tl2VJWP-KXQ

SPORT
3 luglio 2011
VIDEO : Surfcasting allo squalo

Un riassunto di una battuta di pesca in spiaggia ai predatori svoltasi in Sud Africa, nella zona del Kasouga, fiume vicino la cittadina di Port Alfred. Protagonista del video Dean, di www.rasspl.com


http://www.youtube.com/watch?v=wiNWt0bKBfE


Buona visione

SPORT
22 giugno 2011
Surfcasting a Capo Verde

Le spiagge sono il vero pezzo forte di Boavista. Sessanta sono i chilometri di lunghissime spiagge deserte, spesso battute dal vento, alcune miste a roccia, che rappresentano le condizioni ideali per questa disciplina, con risultati davvero eccezionali.
 
Gli amanti del surf, trovano in Boavista un paradiso sia per praticare il loro sport preferito, che per ammirare la verginità e la purezza di questo eden. La quantità e la varietà di pesce presente è davvero notevole. Molte specie di grufolatori si spostano lungo lo scalino di battigia, mentre appena un po' più fuori predatori grandi e piccoli si aggirano alla ricerca di pesci in difficoltà, una catena alimentare che non conosce tregua sia di giorno sia di notte. Numerosi i pesci serra, anche di dimensioni notevoli, si aggirano costantemente lungo la riva e la loro proverbiale voracità qui sembra essere ancora maggiore: gli attacchi che abbiamo sulle nostre esche, sia sul vivo che sulla trancia, sono, infatti, imponenti. Spesso dopo l'abboccata si esibiscono in spettacolari ed esaltanti acrobazie fuori dell'acqua che ci lasciano senza fiato e ci regalano delle fantastiche emozioni. Ma tanta voracità non è sinonimo di stupidità, è questo, infatti, uno dei pesci più scaltri che possiamo incontrare, e anche qui in queste zone, dove sicuramente la pressione di pesca è praticamente zero, la loro furbizia rasenta l'incredibile, inoltre la vista acutissima di cui sono dotati gli permette di tranciare le nostre esche a pochi millimetri dall'amo.
 
Un pesce su tutti è presente in gran quantità e gira incontrastato lungo le spiagge: lo squalo. Principalmente grigi di scogliera e pinna nera, questi predatori sono qui comunissimi, praticamente non esiste tratto di mare in cui non si possa notare la loro presenza. Pescando dalla spiaggia si possono effettuare catture di dimensioni notevoli. Quest'ultimi si spostano in piccoli branchi alla ricerca di cibo, e nelle ore del tardo pomeriggio è più facile realizzare molte catture in poco tempo. Sicuramente, però, pescando nelle ore notturne le possibilità di imbattersi in esemplari di taglia sono decisamente maggiori. L'attrezzature vengono messe a dura prova dai grandi squali pinna nera e nutrice. La taglia di questi predatori che si pescano dalla spiaggia è modesta e può arrivare fino ed otre i 30 kg. Altre prede di medie dimensioni e molto combattivi sono le ombrine e gli shareu (carangidi). Naturalmente ancora più elettrizzante è la pesca a surfcasting con il vivo. Dopo aver catturato il vivo con attrezzatura superleggera, lo si può innescare su canna ed attrezzatura più robusta, e lanciare più lontano possibile nell'attesa di qualche bel "serra" che può arrivare anche oltre i sette chilogrammi; altrimenti potrebbe capitare qualche ricciola scura del luogo "shareu", qualche altro carangide o il solito voracissimo squalo.
 
Per gli amanti del beach leagering queste spiagge offrono numerose specie: saraghi pizzuti e maggiori, mormore, lecce stella, barbi, triglie, pappagalli, rari ma presenti i bonefish, ed altre specie locali. Lungo certi tratti di spiagge, è assai facile fare una ventina di chili di questi pesci in poche ore, catturandone anche due o tre per volta.

Tratto da :  www.boavista2000.com

SPORT
21 giugno 2011
SHARK FISHING FROM THE BEACH (VIDEO)

VIDEO : Un bambino di 7 anni di nome Daniels Dickinson, riesce a pescare e trascinare a riva da solo uno squalo di 84 Kg.



http://www.youtube.com/watch?v=24Ula6s8kNA

SOCIETA'
7 giugno 2011
Il "finning", distruzione degli squali per un prodotto inutile


IL “FINNING” OVVERO LA SISTEMATICA DISTRUZIONE DEGLI SQUALI A LIVELLO GLOBALE PER L’OTTENIMENTO DI UN PRODOTTO INUTILE

La “zuppa di pinne di pescecane” è un piatto Cinese di origini antichissime, ma solo in tempi relativamente recenti ha avuto una grande diffusione nell’intero Oriente e nel resto del mondo. Viene preparata utilizzando le fibre di collagene presenti nelle pinne degli squali. La parte della pinna che viene utilizzata contribuisce a dare alla zuppa una consistenza gelatinosa, aggiunge cioè “corpo ” a questo piatto, ma è di sapore pressoché nullo, di conseguenza la zuppa viene insaporita con altri ingredienti quali pollo, granchio, abalone.

In origine tale delicatezza era considerata un cibo riservato alle classi più ricche essendo molto costosa, sia a causa delle difficoltà di ottenere la materia prima su ampia scala, sia per il fatto che il processo di preparazione per il consumo è di una certa complessità. Ai nostri giorni purtroppo la situazione è assai mutata.

Con i moderni mezzi di pesca su larga scala, la materia prima per questo piatto può essere ottenuta in quantità immense ed in tempi brevissimi. La zuppa di pinne di pescecane continua a venire considerata uno status symbol, molto utilizzata soprattutto per pranzi ufficiali e cerimonie, ed il suo prezzo è più che mai elevato (in un ristorante di Hong Kong si può spendere dai 10 ai 100 dollari per questo piatto a seconda della quantità e del tipo di pinne utilizzate).

Tuttavia il miglioramento della qualità di vita in Cina ha fatto sì che un ampio spettro di persone possa oggi permettersi di consumare questo cibo, e la domanda del mercato continua ad aumentare.

La produzione ed il commercio di pinne sono massimi in Cina, Hong Kong, Singapore, Taiwan, Giappone, ma i dati disponibili circa l’effettivo ammontare di questo mercato sono spesso lacunosi.

 

L’insieme di questi fattori ha portato a conseguenze disastrose per numerose popolazioni di molte specie di squali, che sono state e continuano ad essere decimate selvaggiamente per ottenere le pinne. Il fatto che le pinne abbiano un valore sul mercato altamente più elevato di quello che ha la carne del corpo, ha portato al cosidetto “finning”, che potremmo tradurre coniando il termine di “spinnamento”, ossìa alla pratica della pesca dello squalo con immediata asportazione delle pinne e conseguente scaricamento a mare dell’animale così orrendamente menomato. Coloro cbe praticano questa pesca preferiscono riempire le loro navi di sole pinne o con altri pesci di maggior valore, quali tonni e pesci spada, piuttosto cbe con i corpi degli squali. Si tratta ovviamente di uno spreco di cibo inaccettabile oltre che di una pratica moralmente intollerabile e assolutamente non necessaria.

Tutta la carne del corpo, pari al 95-99% dello squalo, è infatti buttata via, e l’animale privato delle pinne, se non è già morto quando viene tirato a bordo è comunque destinato ad una inutile agonìa.

Gli squali sono animali estremamente vulnerabili, soprattutto a ragione del fatto che hanno dei meccanismi di riproduzione delicati. Impiegano diversi anni per raggiungere la maturità sessuale; hanno periodi di gestazione lunghi, che giungono fino ad un massimo di due anni; infine producono un numero di piccoli basso o comunque relativamente ridotto per volta, da uno ad alcune decine di individui, anziché migliaia o milioni come avviene invece nei pesci ossei.

Per le pinne vengono cacciate numerose specie, senza fare alcuna discriminazione di taglia, anche perché un giovane squalo è spesso comunque un grosso pesce.

 

Tra le molte specie che vengono pescate per il finning, vi sono verdesche (Prionace glauca), squali mako (Isurus sp.), pesci martello (Sphyrna sp.), longimani (Carcharhinus longimanus), squali grigi (Carcharhinus plumbeus), squali bruni (Carcharhinus obscurus), squali limone (Negaprion brevirostris), spinaroli (Squalus sp.), squali bianchi (Carcharodon carcharias), squali tigre (Galeocerdo cuvier), pesci volpe (Alopias sp.), cetorini (Cetorhinus maximus) e squali balena (Rhincodon typus). Le pinne ritenute di maggiore valore sono la prima dorsale, le pettorali ed il lobo inferiore della caudale. Il finning rende tralaltro impossibile qualsiasi studio del pescato, essendo arduo quando non ineffettuabile il calcolo relativo alle effettive catture di individui come pure qualsiasi altra osservazione sugli esemplari. Non si vuole affermare che gli squali non debbano venire pescati: al contrario, lo sfruttamento di questa risorsa alimentare è, per molti Paesi, fondamentale. Quello che è necessario è sfruttare questa risorsa in maniera corretta, per impedirne l’esaurimento nel giro di breve tempo: la diminuzione delle popolazioni di molte specie di squali è ormai fin troppo chiara ovunque. Il finning dovrebbe pertanto venire proibito in tutti Paesi, e la pesca degli squali in genere dovrebbe venire regolamentata. Purtroppo, malgrado le ripetute richieste da parte della FAO e gli allarmi lanciati da molti ricercatori, solo pochi Paesi hanno delle leggi esaustive in merito e gli sforzi che vengono fatti per mutare la situazione sono del tutto insufficienti.

Il finning è attualmente proibito in Stati Uniti, Canada, Brasile, Australia e Oman. In Italia vengono consumate grandi quantità di carne di pesci cartilaginei in genere, per lo più provenienti da altri Paesi, tanto che, secondo i dati pubblicati dalla FAO, che pur devono essere considerati ampiamente lacunosi, saremmo i maggiori importatori a livello mondiale. Fortunatamente il nostro non è tra i Paesi che praticano il “finning”, e da noi le pinne al contrario vengono scartate.
 
L’Italia è comunque purtroppo da includere tra quelle Nazioni in cui non sono stati sino ad oggi raccolti dati esaurienti sulle specie oggetto di pesca, che sono invece necessari per istituire corretti piani di conservazione.

 


Per queste ragioni, Peter Knights, direttore dell’organizzazione statunitense WildAid, ha deciso di dare il via allo Shark Conservation Program, una campagna volta da una parte alla sensibilizzazione del grande pubblico su questo tema di drammatica immediatezza, dall’altra a spronare le autorità competenti dei diversi Paesi a svolgere le necessarie indagini sulla pesca di questi animali e a porre infine una regolamentazione agli sfruttamenti scorretti. Come testimonial dell’iniziativa è stato scelto lo scrittore Peter Benchley, autore del celebre romanzo “Jaws” (“Lo squalo”), dal quale il regista Steven Spielberg trasse il film omonimo.

Alla fine di Febbraio, nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Roma, alla quale hanno preso parte anche l’autore ed il fotografo subacqueo Alberto Luca Recchi, WildAid ha presentato il rapporto “The end of the line?”. In tale pubblicazione, redatta da Susie Watts con l’ausilio di molti tra i maggiori ricercatori specializzati nello studio degli squali a livello mondiale, vengono esposti con chiarezza i maggiori problemi inerenti alla pesca dei Pesci cartilaginei. Nel corso di tale incontro è stata anche fatta presente al rappresentante dell’ICRAM (Istituto Centrale per la Ricerca Applicata al Mare, il principale organo italiano deputato allo svolgimento delle ricerche nel campo della biologia marina e della pesca) la necessità di un maggiore sforzo per il raggiungimento di una corretta gestione degli squali delle nostre acque.

 


Tratto da  www.apneamagazine.com


www.stopsharkfinning.net/

cinema
25 febbraio 2011
Un elenco di tutti i film sugli squali

Blu Profondo - 1999, regia Thomas Jane

Blood Surf - 2000

Blue Demon - 2005 

Cyclone - 1978

Cruel Jaws - 1995 

Dark Waters - 2003 

Hammerhead - 2005 

Il cacciatore di squali - 1979

Il terrore viene dagli abissi 

Jaws of Death - 1976 

Kizmo lo squalo della morte 

La grande morte bianca - 1989

La Notte Degli Squali - 1987

Lo squalo - 1975

Lo squalo 2 - 1978

Lo squalo 3 - 1983

Lo squalo 4 - La vendetta - 1987

L'ultimo squalo - 1981 

Mako, lo squalo della morte - 1976

Mare blu morte bianca - 1971

Megalodon - 2002 

Night of the Sharks 

Open Water - 2004 

Red Water - 2003

Raging Sharks o Shark Invasion - 2005 

SHARK!, conosciuto anche come MANEATER - 1969

Shark Hunter - 2001

Shark Attack - Squali all'attacco - 1999, regia Bob Misiorowski

Shark Attack 2 - 2001, regia David Worth

Shark Attack 3 - Emergenza squali - 2002, regia David Worth

Shark attack in the med - 2006

Shark - Rosso nell'oceano - 1984, regia Lamberto Bava

Shark Swarm - Squali all'attacco - 2008, regia James A. Contner

Shark Zone - 2003

She Gods of Shark Reef - 1958

Spring Break Shark Attack - 2005 

Tintorera - 1977

Twelve Days of Terror - 2004 

Viaggio in fondo al mare - 1961 

SCIENZA
21 febbraio 2011
VIDEO : I Misteri e le Bellezze delle Galapagos

Un tuffo in Oceania. Così si apre la terza puntata di Missione Natura. Vincenzo Venuto, biologo e conduttore del programma e lo "snakemaster" Austin Stevens, l'uomo dei serpenti, ci condurranno alla scoperta dell'Australia.
In questa terra bagnata da ben tre oceani, una stupenda femmina di squalo tigre si farà catturare e studiare da vicino. Una nuova carta d'identità applicata sulla pinna dorsale dell'animale potrà forse salvarle la vita dal suo nemico più pericoloso: l'uomo.

http://www.youtube.com/watch?v=7c_mYhYOUj8&feature=channel

 

www.squali.com

SCIENZA
19 febbraio 2011
Lo squalo pinna nera del reef

Lo squalo pinna nera del reef (Carcharhinus melanopterus Quoy & Gaimard, 1824) è una specie di squalo che appartiene al genere Carcharhinus ed alla famiglia Carcharhinidae. Viene spesso confuso con lo squalo orlato (Carcharhinus limbatus).

Questo squalo può essere facilmente identificato per le vistose chiazze nere all'estremità delle pinne (in particolare della prima dorsale e della caudale). Si tratta di una delle specie più diffuse nelle barriere coralline delle zone tropicali degli Oceani Indiano e Pacifico e predilige leacque poco profonde e sotto costa, al punto che la sua prima pinna dorsale emersa dall'acqua è una visione caratteristica delle aree succitate.

La maggior parte di questi animali abita spianate sabbiose o piattaforme coralline, anche se sono stati osservati mentre entravano in acque salmastre e dolci.

In genere raggiungono lunghezze di 1.6 metri.

Il loro territorio è molto ristretto, e ad esso sono piuttosto fedeli, visto che lo cambiano soltanto una volta che sono trascorsi vari anni dall'ultima volta. Sono predatori attivi di piccoli pesci ossei, cefalopodi, crostacei, ma sembra che si nutrano anche di serpenti d'acqua ed uccelli marini.

 

VIDEO : ACCERCHIATI DA SQUALI PINNA NERA !!!
http://www.youtube.com/watch?v=uW8LedvV0tw

SPORT
22 dicembre 2010
Italcanna MAIO : canna da surf estremo
MAIO - 3.50/4.10 m - 3pz - range 150/350 gr.


Concepita e sviluppata da Umberto Borgioli per il surf estremo in generale e per le esigenze del Maio Fishing Club in particolare, questa ripartita fa di potenza, robustezza ed affidabilità i propri punti di forza. La sua azione esprime il risultato di lunghe sperimentazioni alla ricerca dell'equilibrio tra necessità di massima riduzione della leva svantaggiosa in fase di combattimento, prestazioni nel lancio di zavorre estreme, compatibilità con mulinelli sia rotanti che fissi ma soprattutto maneggevolezza. La MFC si compone di tre elementi: una vetta il cui arco molto docile e progressivo punta a rendere i lunghi combattimenti quanto più comodi ed agevoli possibile; un calcio molto potente ma rigido solo quanto indispensabile a consentire l'impiego del rotante senza costringere ad un anellatura specifica che escluderebbe l'impiego del fisso. Tale elemento è dotato di una robusta placca portamulinello Fuji posizionata in configurazione "attacco basso" e di una lunga impugnatura che consente una salda presa in qualsiasi condizione oltre a costituire supporto per l'eventuale montaggio di harness; una pompa che senza perdite di potenza prolunga il calcio tramite un innesto spigot. Tale elemento permette il passaggio dalla configurazione attacco basso a quella attacco alto e viceversa con un unico rapido gesto. Quest'ultima caratteristica permette di coniugare i vantaggi intrinsechi dei due tipi di configurazioni: riduzione leva e comodità nel combattimento, compatibilità con harness, pesca con grandi vivi in movimento, etc. per il "basso" incremento della leva nel lancio, riduzione dell'influenza del moto ondoso sull'azione di pesca in fase di attesa, allontanamento del mulinello da sabbia e acqua marina, etc. per l'"alto" Il taglio degli elementi è tale che la vetta risulta di lunghezza leggermente inferiore rispetto a calcio e pompa innestati, ciò permette di garantire la massima sicurezza durante il trasporto nei complicati trasferimenti che spesso il surf estremo richiede. Sia la pompa che il calcio sono dotati di crocere, la prima per impedire la rotazione sul picchetto la seconda per stabilizzare l'attrezzo in cintura. La MFC monta anelli Fuji Sic Gun Smoke.


 

SPORT
10 ottobre 2010
Vedete questo video e non crederete ai vostri occhi !!!

Un temerario con la tavola da surf si fa trainare da un grosso squalo in mare aperto dopo avergli gettato con l'arpione un esca attaccata ad una corda, lo squalo l'ha mangiata e mentre se ne andava, dall'altro capo della corda c'è questo surfista che si lascia trainare appunto dallo squalo.

Ecco il link al video

http://www.youtube.com/watch?v=LdrPJFAG8q4&feature=player_embedded

 

Ora la domanda che si chiederanno tutti quelli che lo hanno visto è : "è vero o no?"

SPORT
10 ottobre 2010
Ecco la foto del record del mondo di Ripamonti!

Lemon shark (squalo limone)

 

Peso stimato 140 kg

Lunghezza 253

Diamentrto al ventre 185 cm

tecnica: Balloon fishing

Località; Sal- Santa maria

Attrezzature: Shimano Beat master 130M

Torium 50

Asso 50 libbre

Amo 8/0

Esca: Tombarello morto

tempo di combattimento: 30 minuti circa

Filmato: SI amatoriale

Rilascio: Si

-  Articolo del direttore del sito "pescareonline" Gionata Paolicchi  -

 

http://www.pescareonline.it/news/ecco_la_foto_del_record_del_mondo_di_ripamonti.htm

www.pescareonline.it Il portale italiano dedicato alla pesca sportiva più importante che abbiamo in Italia dove vi collaborano i migliori campioni di pesca sportiva.

www.robertoripamonti.it/

sfoglia
  

Rubriche
Link
LINK DI PESCA SPORTIVA
Pesca On Line
Pesca in Mare
Caccia e pesca TV
Pescare net
Pesca e nautica
Surfcasting on line
Surfcasting e dintorni
The surf channel
Calabria pesca on line
Calabria Pesca
Pesca TV
Spinning On Line
Planet Spin
Pescare nel Mondo
Sport pesca spinning
Itinerari di pesca
Pesca Abruzzo
Pescara Pescando
Tecnolenza Adriatica
4venti Il portale per la pesca in mare
2anglers La pesca sportiva on line
Black Bass & Co. Tutto sulla pesca al lancio
F.I.P.S.A.S.
Pescare On Line
Pescare
Pesca Ok
Hobby pesca
------------------
RICERCA SUL WEB
Google
Yahoo
Virgilio
M S N
--------------------
UTILITA' E SERVIZI
Codice Civile
Codice Stradale
Codice Penale
Codice Fiscale
Enciclopedia Universale
Enciclpedia Medica
Pagine Bianche
Pagine Gialle
Pagine Utili
Orario Ferroviario
Stradario d'Italia
Poste Italiane
Finanze
Polizia di Stato
Edison
Enel
Telecom Italia
T I M
Rosso Alice
I.N.P.S.
I.N.A.I.L.
I.C.I.
INPDAP
CAP postali
--------------------
INFORMAZIONE
Tg5
Tgcom
Rai
Il Centro
Il Sole 24 ore
La7
La Repubblica
Il Tempo
L'Unità
Il Corriere della Sera
Il Messaggero
--------------------
L A V O R O
Adecco
Bollettino
Concorsi
Giovani Imprenditori
Informa Giovani
Jobline
Obiettivi
Informagiovani Giulianova
-------------------
DA VISITARE
Giorgius (esplorando il cyberspace)
Sebastiano (il matematico)
CeceniaSOS
Barfly blog
------------------
V A R I E
Tortoreto (TE)
Comune Tortoreto (TE)
Parco Nazionale D'Abruzzo
IL portale degli Abruzzesi
Abbruzzo social forum
Abruzzo città
Villa Pini D'Abruzzo (la clinica dove lavora mia sorella come fisioterapista)
Università degli studi di Teramo
Regione Abruzzo
Tutto Abruzzo
Abruzzo natura
Abruzzo Federvolley
Emanuela Falcetti (italiaistruzioniperluso)
Charlie Chaplin
Red Bull
Daddo (il portale multietnico)
Virtual Dj
Alinvolo (iniziative per la lotta all'Aids)
Almamegretta
Raiz
24grana
Quasi quasi ...
-----------------
MUSICA JAZZ
All About Jazz Italia
Sax on the Web
Jazzit (link di musica jazz)
Jazzos (portale di acquisti on line di prodotti inerenti la musica jazz)
Music Club (mensile di musica e concerti)
ACCUJAZZ (radio)
Jazz Convention
-------------------
CONSERVATORI E SCUOLE MUSICALI
Conservatorio di Roma
Conservatorio di L'Aquila
Istituto Braga di Teramo
Conservatorio di Fermo
Scuola Giocond di S.Benedetto T.
------------------
UN PO' DI CRISTIANESIMO
Radio Vaticana
Chiese teramane
Chiesa Della Madonna Dello Splendore di Giulianova Paese
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Test your Internet connection speed at Speedtest.net

by Blografando&BW
Gioco Skateboard in città - Street sesh
Bel gioco di SkateBoard per effettuare acrobazie urbane in mezzo a veicoli vari, con scalinate da superare e rampe da usare per scavalcare camion e automobili.
QUI POTETE SEGUIRMI IN DIRETTA STREAMING QUANDO SONO ONLINE

Streaming video by Ustream
Partecipa al Sondaggio!
Chi è il tuo sassofonista preferito?
Risultati
Partecipa al Sondaggio!
In genere mi piace maggiormente ascoltare della buona musica jazz....
Risultati
JOHN COLTRANE MUSIC PLAYER Per un migliore ascolto delle radio e dei video sottostanti
mettere in pausa il player sovrastante


PESCA WEB TV STREAMING
Watch live streaming video from pescatv at livestream.com
Trabucco Fishing / Articoli e prodotti per la pesca sportiva e agonistica VIDEO MUSICALI

Visualizzazione ingrandita della mappa --------------------------------- Il jazz è molto più di una semplice forma musicale....il jazz è arte, cultura, conoscenza (me stesso) ----------- Miles Davis was the "Picasso of Jazz," reinventing himself and his sound endlessly in his musical quest. He was an artist that defied (and despised) categorization, yet he was the forerunner and innovator of many distinct and important musical movements. ----------- Il pugilato è come il jazz: più è buono e meno la gente l'apprezza. ~ George Foreman ----------- l'arte è espressione di sè. Se stai esprimendo la personalità di qualcun altro non è arte. Bennie Wallace ----------- L'improvvisazione è l'abilità di parlare a se stessi Cecil Taylor ----------- Il jazz è quel genere musicale che può assorbire un sacco di cose ed essere ancora jazz. Sonny Rollins ----------- AFORISMI DI MILES DAVIS: Prima lascia che io lo suoni, poi più tardi te lo spiegherò. La musica è diventata densa. Mi danno dei pezzi pieni d'accordi e io non li so suonare. Nel jazz sta prendendo piede una tendenza ad allontanarsi dal giro convenzionale degli accordi, e una rinnovata enfasi delle varizioni melodiche e armoniche. La musica e la vita sono solo questioni di stile. Non temere gli errori. Non ce ne sono. Non suonare quello che c'è. Suona quello che non c'è. È stato sempre un mio dono quello di saper ascoltare la musica. Non so da dove viene. C'è e non mi faccio domande. Perché suonare tutte queste note quando possiamo suonare solo le migliori? Un mito è un vecchio col bastone che viene ricordato per quello che faceva una volta. Io lo sto ancora facendo. Non esistono note sbagliate. ----------- Cos'è il Jazz? Amico, se lo devi chiedere, non lo saprai mai. Louis Armstrong ----------- In genere, il jazz è sempre stato simile al tipo d'uomo con cui non vorreste far uscire vostra figlia. Duke Ellington ----------- Il jazz non è morto, ha solo un odore un po' curioso. Frank Zappa ----------- La musica è la tua propria esperienza,i tuoi pensieri,la tua saggezza. Se non la vivi, non verrà MAI fuori dal tuo strumento Charlie Parker ----------- Il Jazz è l'unica musica in cui la stessa nota può essere suonata in ogni serata, ma sempre in modo diverso. Ornette Coleman ----------- Credo che la cosa più importante per un musicista sia quella di trasmettere a chi lo ascolta un'immagine di tutte le cose meravigliose che sente e avverte nell'universo. Questo è ciò che la musica significa per me, semplicemente una possibilità, tra le molte altre, di dire che viviamo in un mondo immenso e meraviglioso, un mondo che ci è stato donato John Coltrane ----------- Devi amare per poter suonare. Louis Amstrong ----------- Suona , suona sempre anche senza strumento. Lee Koniz ----------- Un giovane sassofonista si lamentava con me del fatto che ascoltare Coleman Hawkins lo innervosiva. Gli ho risposto: "Coleman Hawkins deve renderti nervoso! Hawkins ha innervosito tutti i sassofonisti degli ultimi quarant'anni!". Cannonball Adderley ----------- "Il sassofono non è solo qualcosa in cui soffiare; esso è qualcosa con cui cantare" Paul Brodie ----------- Mi voltai e c'era Bird, conciato peggio di una merda, con la faccia gonfia, gli occhi arrossati e l'aria di aver dormito nei suoi vestiti spiegazzati per giorni. Ma era fico, con quell'aria hip che gli riusciva di avere anche quando era ubriaco e drogato Miles Davis ----------- La musica lava via la polvere della vita quotidiana Art Blakey ----------- Il jazz è conosciuto in tutto il mondo come una forma d'arte musicale americana e così è. Niente America, niente jazz. Ho visto persone cercare di collegarlo ad altri paesi, per esempio all'Africa, ma non ha niente a che fare con l'Africa. Art Blakey ----------- Ci ho messo tutta la vita ad imparare cosa non si deve suonare. dizzy Gillespie ----------- Il blues non serve a far stare meglio te,serve a far star peggio ki ti ascolta!!! Gengive sanguinanti Murphy- Simpson - Lisa sogna il Blues ----------- se gradite uno strumento che canta,suonate il sassofono.relativamente è come la voce umana. Stan Getz ----------- "Come nuovo, uno dei migliori fegati contemporanei. A bagno nel Dewar (una marca di whisky) e scoppia di salute". paul desmond il giorno in cui gli diagnosticarono un tumore al polmone ----------- "e in culo anche il jazz" Novecento A. Baricco ----------- "io non sono quello che faccio, faccio quello che sono". Miles Davis ----------- "la vita senza la musica sarebbe un errore, ma anche la musica senza la vita sarebbe un errore!" Wayne Shorter ----------- L'unica rabbia che posso provare è verso di me, quando non riesco a suonare quello che voglio (J. Coltrane) ----------- 'Play it in the key of your soul' "Suonala nella chiave della tua Anima" Charles Mingus ----------- "Il jazz, se si vuole chiamarlo così, è un'espressione musicale; e questa musica è per me espressione degli ideali più alti. C'è dunque bisogno di fratellanza, e credo che con la fratellanza non ci sarebbe povertà. E con la fratellanza non ci sarebbe nemmeno la guerra" John Coltrane -----------

 Questo blog è contro la blacklist
ed eventuali commenti anonimi
(o non anonimi) che conterranno
turpiloqui e bestemmie verranno
(forse) cancellati.


Questo blog lo dedico alla memoria
di Fausto Papetti, scomparso nel 1999
nella quasi indifferenza. Eppure è stato
e rimarrà sempre il più grande
sassofonista che abbiamo avuto in Italia
e che pochi hanno saputo apprezzare,
specialmente le nuove generazioni.










 



 


























 

 

 

 



 


 

 

 

 

 




























 



























 

 






































IL CANNOCCHIALE