.
Annunci online

floppy
Tu che oggi parli male di me ... Ieri sparlavi degli altri .... Minkia, si veru infami
SPORT
8 aprile 2013
Trabucco TV - Surfcasting in Toscana con Michele Nardi

 

Trabucco TV - Surfcasting in Toscana con Michele Nardi
Ancora una volta Michele Nardi, esperto surf caster e consulente per il settore surf & beach fishing di Trabucco, ci presenta un'intereressante uscita sulla costa Toscana alle prese con mormore ed orate.

VIDEO : https://www.youtube.com/watch?v=P7_PmBmB8tw

 

20 ottobre 2012
La mia pescata dalla spiaggia di ieri notte

 

 

Le 6 mormore e i 3 saraghetti che ho pescato ieri notte in 3 ore di pesca dalla spiaggia di Martinsicuro (TE) - Abruzzo ... pescando con due canne.

SPORT
4 giugno 2012
Uè Compà

Compà, sint quà ... ieri sera il mio amico di pesca Vincenzo ha catturato con una canna sola 20 mormore di cui una sul chilo e cento pescando dalle 20,30 alle 24,00. Pescando con la mia Veret Idrahs e la montatura preparata da me. Nessun esemplare di Ombra recchione pescato, stai tranqui compà ;)

 

P.S. : il Pescara vola in A e Zeman va alla Roma ... noi ve diamo Zeman ma almeno voi datece Ilary

 

SPORT
11 maggio 2012
Resoconto pescata di ieri sera

Ieri notte io e il mio Vincenzo siamo stati a pescare dalla spiaggia di Villa Rosa di Martinsicuro dalle 19,30 fino alle 23,00.

In due abbiamo preso 6 sugarelli di 400 grammi circa ciascuno senza contare quelli che abbiamo perso durante il recupero.

Pescavamo con verme coreano e popup per tenere l'esca alzata dal fondo visto che c'erano i granchi che si pappavano le nostre esche e visto che i sugarelli si trovano maggiormente a mezz'acqua e in superficie.

Il mare era leggermente increspato e abbiamo pescato con piombi da 80 grammi.

Purtroppo le mormore ancora non accostano ma è questione di giorni e poi il divertimento sarà assicurato !!!

SPORT
30 marzo 2012
Beach legering

Amici pescatori allora? Si sono iniziate a prendere le mormore dalle vostre spiagge?

Io proverò a fare una pescatina leggera a beach legering dalla spiaggia di Martinsicuro o Villa Rosa domani notte dalle 20 fino all'una di notte. Vediamo quello che riuscirò a pescare e poi vi racconto...

Nel frattempo....

In culo alla balena !!!!

SPORT
9 marzo 2012
Sta per giungere la stagione delle mormore !!!

 

Mormorine mormorine ... preparatevi e state accorte che la vostra ora sta per giungere ...

SPORT
20 giugno 2011
Surfcasting in medio Adriatico : le mormore di Antonio

Su www.2anglers.it c'è il racconto di Antonio e le sue esperienze di pesca dalla spiaggia tra Martinsicuro e San Benedetto del Tronto.

Ecco il link
http://www.2anglers.it/mormore_adriatico.htm

SPORT
24 aprile 2011
Ieri sera sono stato a pesca

Nelle foto sopra è la spiaggia di Pineto di fronte Via Piemonte (è il punto esatto dove vado io a pesca)

Anche se questo è un periodo morto per la pesca dalla spiaggia in Abruzzo, sono stato lo stesso a pescare dalla spiaggia di Pineto Nord (TE) di fronte Via Piemonte (basta trovare su Google Hearth "Pineto", Via Piemonte sarebbe la prima via che si incontra venendo da Nord).

Sapevo gia che molto probabilmente non avrei preso niente e così è stato.

Ho pescato dalle 19,15 alle 22 senza vedere neanche una tocca alle mie due Idhars, le canne non si sono mosse per niente.

Le mormore vogliono l'acqua calda e il periodo migliore va da Maggio a Ottobre.


Quindi ricapitolando la situazione Abruzzese attuale per la pesca dalla spiaggia è questa:

le spigole sono finite, le mormore è ancora presto (solo a San Vito chietino e Fossacesia si sono iniziate a vedere in buon numero), i gronghi si prendono solo nelle vicinanze di scogli, anfratti o con fondale misto. Orate, occhiate e saraghi per il momento si prendono solo nei porti. Qualche ombrina si inizia a vedere nelle vicinanze delle foci dei fiumi.

 

Nella Home Page a destra ho  inserito la visualizzazione fotografica fatta da Google Hearth di Via Piemonte a Pineto (TE).

 

SPORT
3 aprile 2011
Amo Katana 1215A distribuito dalla MAVER

 

Questa serie di ami li utilizzo nella misura del 10, quando devo innescare un koreano intero o arenicola alla ricerca di orate e mormore. Li collego al filo terminale tramite il nodo "palomar".

Amo black a gambo medio con micro occhiello, ideale per l’innesco di vermi lunghi e delicati, ottimo per il Beach Ledgering e nelle misure piccole indispensabile per l’agonismo surf casting anche per il pesce di galla.Eccezionale per le mormore e per tutti i grufolatori marini, ma può risultare ottimo anche per la pesca in acqua dolce.

Disponibile in bustine da 20 ami.

Queste le misure disponibili: 8 - 10 - 12 - 14 - 16 - 18 - 20


 

SPORT
30 dicembre 2010
L'area marina protetta "Torre di Cerrano" : uno dei miei spot preferiti per il surfcasting

La Torre di Cerrano (area marina protetta) è a Silvi Marina in provincia di Teramo (Abruzzo).

Dista circa 25 Km. da casa mia (Tortoreto Lido).

E' un posto fantastico con un panorama favoloso.

 

Vi posto alcune foto della "Torre di Cerrano"

 

Ora vi descrivo la "Torre di Cerrano" prendendo la descrizione di Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Torre_di_Cerrano)


La Torre di Cerrano è una delle antiche torri costiere del Regno di Napoli, si trova sulla costa dell'Adriatico, in provincia di Teramo, tra Silvi Marina e Pineto; nel territorio di quest'ultimo comune, due chilometri a sud dell'abitato spicca nettamente all’orizzonte su una piccola collina a ridosso della spiaggia, circondata da un ciuffo di alti pini marittimi, in un ambiente di rara bellezza.

Deve il suo nome al vicino torrente Cerrano (l'antico Matrinus) il cui nome a sua volta deriva probabilmente da quello della dea Cerere (Demeter, Dea Mater)[1];. Il corso d'acqua nasce sui colli di Atri, dalle antichissime fontane di tipo qanat, e sfocia 500 metri a sud, nel Comune di Silvi.

L'area era un tempo il sito dell'antico porto di Atri, nello specchio di mare vicino alla torre ed al torrente giacciono sommersi i resti di un molo a forma di "L", opere murarie e vari manufatti[2].

Attualmente è una delle sedi del Centro di Biologia delle Acque dell’IZSAM[3].

Nel febbraio 2008 è stato costituito il Consorzio di gestione dell'Area Marina Protetta Torre del Cerrano, atto propedeutico all'emissione del Decreto Ministeriale istitutivo del parco marino. L'iter era iniziato nel 1997 quando il "Parco marino Torre di Cerrano" fu inserito nella legge 334[4]. Dopo molti anni con un costante impegno da parte delle amministrazioni locali e soprattutto con ilcoinvolgimento di associazioni e portatori di interesse, il 7 aprile 2010 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana il Decreto el Ministero Ambiente e Tutela Territorio Mare del 21 ottobre 2009, istitutivo dell'Area Marina Protetta "Torre del Cerrano"[5].

Nel 1251 la guelfa Atri ricevette dal CardinalePietro Capocci, tra gli altri privilegi, quello di costruire un porto; concessione confermata nel 1255 da Papa Alessandro IV con l'indicazione in Penna Cerrani (sulla Punta del Cerrano).

Durante il regno di Carlo II d'Angiò appare per la prima volta una "vecchia torre" in Penna Cerrani la cui ricostruzione, con una disposizione del 1287, reiterata nel 1293 e 1294, viene posta a carico anche degli abitanti di Silvi e Montepagano, che avrebbero poi tratto beneficio dalla possibilità di ricoverare le navi e di commerciare; analoghi ordini furono emessi nel 1310 e nel 1352.

Nel 1388 gli introiti del porto furono destinati al suo restauro per volere del re Ladislao di Durazzo e della regina madre e reggenteMargherita di Durazzo[6]; analoghi provvedimenti furono presi più volte nel tempo, allo scopo di mantenere il porto in efficienza[7]; nel 1419 fu rinnovata ad Atri l'autorizzazione a riscuotere un pedaggio destinato anche alla custodia del Castello e Porto di Cerrano.

Il porto di Cerrano fu incendiato e devastato nel 1447 da una potente flotta comandata da Andrea Loredan inviata dalla Repubblica di Venezia, in guerra con Alfonso d'Aragona, per distruggere i porti dell’Adriatico. Notizie sulle strutture del porto e sui danni da queste subite ci sono giunte per mezzo di un contratto di locazione del 1450, dal quale apprendiamo che sulla "punta di Cerrano" vi era la casa de lo Palaczo che sta sopra de lo porto dotata di una grande stalla (si tratta di una taverna oggetto dell'affitto), e che furono bruciate due case con accanto una torre di difesa le cui mura subirono gravi danni come pure vari magazzini e pertinenze[7].

Nel 1481 il porto è elencato tra i possedimenti ereditati da Andrea Matteo IIIAcquaviva ma alla fine del secolo non rimaneva molto:

  « Item ha lo castello de lo porto de Cerrano cum casamenta dentro et sbaglio (cortile) cum terrino de fora de le mura cum prato ce tomuli uno appresso le case de l’ecclesia de Sancto Nicola da di lati et da pedi lo lito de la marina et da capo la strada de la salara et altri fini »
 
(Catasto del Comune di Atri, 1499)

Nel XVI secolo crebbe la minaccia di incursioni da parte dei Saraceni, che furono particolarmente intense nell'estate del 1556 quando all'Abruzzo furono risparmiate le terribili devastazioni subite dalle coste italiane grazie alle difese ed al sistema di punti d'avvistamento[8] predisposte dal Duca d'Atri Giovan Girolamo D'Acquaviva.

Di conseguenza, poco tempo dopo, il Vicerè Don Pedro Perafan de Ribera, Duca di Alcalà, decise che anche il litorale abruzzese, come già altre coste della penisola, doveva avere un sistema di torri costiere, costruite a distanza tale da poter comunicare a vista tra loro, destinate non solo a dare l'allarme in caso di incursioni nemiche ma, essendo dotate di guarnigione e colubrine, anche a respingere tali incursioni.

Nel 1563, in base ad una relazione del Governatore Marco Antonio Piscicello, de Ribeira ordinò sei torri: Foro, Mucchia, Moro, Sangro, Penna, Saline, la cui costruzione però non iniziò subito[9].

Nel 1568Alfonso Salazar, commissario del presidente della Regia Camera di Summaria, dopo aver effettuato un sopralluogo insieme all'ingengner Scala, dispose la costruzione di quattordici torri : Tronto, Vibrata, Salinello, Tordino, Vomano, Chirano, Fossacesia, Senella e le sei del 1563; i lavori furono portati a termine entro il 1569[9].

Buona parte delle torri abruzzesi fu costruita da Vincenzo Tavoldi, un bergamasco che con il fratello si stava occupando delle fortificazioni di Pescara e Civitella, e che il 1º aprile1568 si aggiudicò l'appalto per otto di tali torri, impegnandosi a finirle entro diciotto mesi.

Tra le altre fu quindi appaltata da Alfonso Salazar la costruzione di una torre "alla punta del Chirano, da essere vista da tutta la provincia"[10].

Da altri documenti risulta però che la costruzione della Torre di Cerrano era iniziata nel 1490-94, quindi è possibile che Salazar l'abbia solo portata a termine, utilizzandola inoltre come modello per le altre.

L'opera era già completata nel 1582[8], nel 1585 il caporale Francesco Martinez ne è Torriero[10].

Per molto tempo la torre di Cerrano rimase un baluardo per il presidio e la difesa della costa, anche dopo che, all'inizio del XVIII secolo, entrò a far parte dei possedimenti degli Scorrano, Marchesi di Cermignano.

Con il cessare delle razzie piratesche dal mare la torre perse la sua funzione militare.

Aspetto attuale ed avvenimenti recenti [modifica]

La costruzione originale del XVI secolo, che costituisce il nucleo del complesso attuale, è formata da un massiccio torrione a base quadrata in laterizio, alla base il lato esterno è di 12,80 metri[11] mentre quello interno di 5,80 metri[11]. Le mura hanno spessore decrescente e quindi risultano inclinate a piramide, ciascuna è coronata da quattro robusti beccatelli e tre caditoie sormontate da sei merli di fattura guelfa. L'altezza è di 12,60 metri[11] esclusi i 90 centimetri[11] dei merli. I soffitti sono a botte. La tipologia è tipica delle torri costiere del Viceregno, molto simile alla "gemella" Torre del Salinello.

Quando fu costruita la ferrovia fu eretto un alto muraglione di contenimento subito a valle della torre.

Agli inizi del secolo scorso la torre fu acquistata da un ufficiale di Marina, Pasquale Filiani che, nel 1915[10] la fece restaurare e rendere abitabile; su progetto dell'ing. Vincenzo Rosati fu aggiunta la torretta superiore a forma di parallelepipedo regolare, ma arretrato, anch'essa coronata da sei beccatelli per lato e merli guelfi, più piccoli. Scale e vani furono ricavati nello spessore delle mura, nelle quali furono aperte varie finestre.

Negli anni venti[6] ne divenne proprietario il marchese De Sterlich, eccentrico esponente della nobiltà locale[8] che, nel 1935[10] fece ampliare la Torre con l'aggiunta, sui lati sud ed est, di un'ala a forma di "L" comprendente un seminterrato ed i piani terra, primo e secondo.

La sopraelevazione e l'ampliamento sono stati realizzati imitando i materiali e gli stili originari, e non hanno comportato modifiche sostanziali al nucleo originale.

Successivo proprietario fu l’ingegner Tito Marucci

Nel 1981 la torre fu acquistata dall'Amministrazione Provinciale di Teramo che, dopo aver provveduto a lavori di ristrutturazione e consolidamento, nel 1983 vi istituì un Centro Ricerche e Studi; il 21 maggio1983 il complesso fu affidata all'Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Teramo[3].

 

Ora vi descrivo l'area marina protetta "Torre del cerrano" sempre da wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Area_marina_protetta_Torre_del_Cerrano)


L'area marina protetta Torre del Cerrano è la prima area marina protetta abruzzese e del medio Adriatico, istituita ufficialmente il 7 aprile 2010 con la pubblicazione della legge istitutiva sulla gazzetta ufficiale. Essa è situata fra i comuni di Silvi e Pineto, in provincia di Teramo, e comprende una fascia costiera di circa 7 km, tra la foce del Torrente Calvano a Pineto e P.zza dei Pini a Silvi.

La storia della zona dov'è situata l'area protetta non è molto nota, ma è molto interessante. In quest'area infatti sorgeva l'antico porto del Cerrano, ossia il porto della città collinare di Atri, un porto di origini romane molto importante per il commercio marittimo dell'Abruzzo. Fu distrutto dalla repubblica di Venezia insieme a quasi tutti i porti adriatici.
Una rinascita ci fu con
Carlo V, che decise di costruire un efficiente sistema di protezione dalle invasioni saracene sulle coste del regno consistente in delle torri di avvistamento visibili l'una dall'altra, in modo di poter comunicare velocemente. Il luogo dell'antico porto venne scelto come posto dove edificare una delle torri di avvistamento: la Torre del Cerrano. Questa Torre è da oltre 500 anni il simbolo di Silvi e Pineto ed ha dato il proprio nome all'Area Marina Protetta.

Territorio [modifica]

L'area protetta si estende per circa 37 km quadrati suddivisi in 3 zone di protezione:

  • Zona B: la zona B è un quadrato che comprende il tratto di mare davanti la Torre del Cerrano ed è la zona con più restrizioni dell'A.M.P.;
  • Zona C: la zona C tutela tutta la fascia di spiaggia e arriva fino a 2 km dalla costa;
  • Zona D: la zona D è la più vasta ed ha la forma di un trapezio; Essa comprende una fascia che arriva fino alle 3 miglia nautiche e all'interno della stessa si trovano le oasi di ripopolamento ittico della Provincia di Teramo.

La riserva tutela un tratto di mare unico in Abruzzo, perché è uno dei pochi rimasti dove si può trovare un ambiente dunale pressoché intatto e nel contempo si possono ammirare i resti sommersi di estremo interesse archeologico e naturalistico dell'antico porto di Atri che si trovano a pochi km dalla costa.

L'ambiente dunale dell' A.M.P. è caratterizzata dalla presenza del Fratino (Charadrius alexandrinus), che arriva in primavera in questi luoghi per nidificare, per poi ripartire in autunno. L'ambiente marino è invece popolato dalla Vongola Comune, da Saraghi, Spigole e soprattutto dalla rara Trivia Adriatica.

 

LINK

http://www.torredelcerrano.it/

http://triviadicerrano.blogspot.com/

http://www.regione.abruzzo.it/xCultura/index.asp?modello=torrete&servizio=xList&stileDiv=monoLeft&template=intIndex&b=menuTorr5817&tom=817

http://www.comune.pineto.te.it/internal.asp?art_id=742&cat_id=36&category_name=Politica%20Ambientale&art_titolo=La%20Torre%20di%20Cerrano


sfoglia
  

Rubriche
Link
LINK DI PESCA SPORTIVA
Pesca On Line
Pesca in Mare
Caccia e pesca TV
Pescare net
Pesca e nautica
Surfcasting on line
Surfcasting e dintorni
The surf channel
Calabria pesca on line
Calabria Pesca
Pesca TV
Spinning On Line
Planet Spin
Pescare nel Mondo
Sport pesca spinning
Itinerari di pesca
Pesca Abruzzo
Pescara Pescando
Tecnolenza Adriatica
4venti Il portale per la pesca in mare
2anglers La pesca sportiva on line
Black Bass & Co. Tutto sulla pesca al lancio
F.I.P.S.A.S.
Pescare On Line
Pescare
Pesca Ok
Hobby pesca
------------------
RICERCA SUL WEB
Google
Yahoo
Virgilio
M S N
--------------------
UTILITA' E SERVIZI
Codice Civile
Codice Stradale
Codice Penale
Codice Fiscale
Enciclopedia Universale
Enciclpedia Medica
Pagine Bianche
Pagine Gialle
Pagine Utili
Orario Ferroviario
Stradario d'Italia
Poste Italiane
Finanze
Polizia di Stato
Edison
Enel
Telecom Italia
T I M
Rosso Alice
I.N.P.S.
I.N.A.I.L.
I.C.I.
INPDAP
CAP postali
--------------------
INFORMAZIONE
Tg5
Tgcom
Rai
Il Centro
Il Sole 24 ore
La7
La Repubblica
Il Tempo
L'Unità
Il Corriere della Sera
Il Messaggero
--------------------
L A V O R O
Adecco
Bollettino
Concorsi
Giovani Imprenditori
Informa Giovani
Jobline
Obiettivi
Informagiovani Giulianova
-------------------
DA VISITARE
Giorgius (esplorando il cyberspace)
Sebastiano (il matematico)
CeceniaSOS
Barfly blog
------------------
V A R I E
Tortoreto (TE)
Comune Tortoreto (TE)
Parco Nazionale D'Abruzzo
IL portale degli Abruzzesi
Abbruzzo social forum
Abruzzo città
Villa Pini D'Abruzzo (la clinica dove lavora mia sorella come fisioterapista)
Università degli studi di Teramo
Regione Abruzzo
Tutto Abruzzo
Abruzzo natura
Abruzzo Federvolley
Emanuela Falcetti (italiaistruzioniperluso)
Charlie Chaplin
Red Bull
Daddo (il portale multietnico)
Virtual Dj
Alinvolo (iniziative per la lotta all'Aids)
Almamegretta
Raiz
24grana
Quasi quasi ...
-----------------
MUSICA JAZZ
All About Jazz Italia
Sax on the Web
Jazzit (link di musica jazz)
Jazzos (portale di acquisti on line di prodotti inerenti la musica jazz)
Music Club (mensile di musica e concerti)
ACCUJAZZ (radio)
Jazz Convention
-------------------
CONSERVATORI E SCUOLE MUSICALI
Conservatorio di Roma
Conservatorio di L'Aquila
Istituto Braga di Teramo
Conservatorio di Fermo
Scuola Giocond di S.Benedetto T.
------------------
UN PO' DI CRISTIANESIMO
Radio Vaticana
Chiese teramane
Chiesa Della Madonna Dello Splendore di Giulianova Paese
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Test your Internet connection speed at Speedtest.net

by Blografando&BW
Gioco Skateboard in città - Street sesh
Bel gioco di SkateBoard per effettuare acrobazie urbane in mezzo a veicoli vari, con scalinate da superare e rampe da usare per scavalcare camion e automobili.
QUI POTETE SEGUIRMI IN DIRETTA STREAMING QUANDO SONO ONLINE

Streaming video by Ustream
Partecipa al Sondaggio!
Chi è il tuo sassofonista preferito?
Risultati
Partecipa al Sondaggio!
In genere mi piace maggiormente ascoltare della buona musica jazz....
Risultati
JOHN COLTRANE MUSIC PLAYER Per un migliore ascolto delle radio e dei video sottostanti
mettere in pausa il player sovrastante


PESCA WEB TV STREAMING
Watch live streaming video from pescatv at livestream.com
Trabucco Fishing / Articoli e prodotti per la pesca sportiva e agonistica VIDEO MUSICALI

Visualizzazione ingrandita della mappa --------------------------------- Il jazz è molto più di una semplice forma musicale....il jazz è arte, cultura, conoscenza (me stesso) ----------- Miles Davis was the "Picasso of Jazz," reinventing himself and his sound endlessly in his musical quest. He was an artist that defied (and despised) categorization, yet he was the forerunner and innovator of many distinct and important musical movements. ----------- Il pugilato è come il jazz: più è buono e meno la gente l'apprezza. ~ George Foreman ----------- l'arte è espressione di sè. Se stai esprimendo la personalità di qualcun altro non è arte. Bennie Wallace ----------- L'improvvisazione è l'abilità di parlare a se stessi Cecil Taylor ----------- Il jazz è quel genere musicale che può assorbire un sacco di cose ed essere ancora jazz. Sonny Rollins ----------- AFORISMI DI MILES DAVIS: Prima lascia che io lo suoni, poi più tardi te lo spiegherò. La musica è diventata densa. Mi danno dei pezzi pieni d'accordi e io non li so suonare. Nel jazz sta prendendo piede una tendenza ad allontanarsi dal giro convenzionale degli accordi, e una rinnovata enfasi delle varizioni melodiche e armoniche. La musica e la vita sono solo questioni di stile. Non temere gli errori. Non ce ne sono. Non suonare quello che c'è. Suona quello che non c'è. È stato sempre un mio dono quello di saper ascoltare la musica. Non so da dove viene. C'è e non mi faccio domande. Perché suonare tutte queste note quando possiamo suonare solo le migliori? Un mito è un vecchio col bastone che viene ricordato per quello che faceva una volta. Io lo sto ancora facendo. Non esistono note sbagliate. ----------- Cos'è il Jazz? Amico, se lo devi chiedere, non lo saprai mai. Louis Armstrong ----------- In genere, il jazz è sempre stato simile al tipo d'uomo con cui non vorreste far uscire vostra figlia. Duke Ellington ----------- Il jazz non è morto, ha solo un odore un po' curioso. Frank Zappa ----------- La musica è la tua propria esperienza,i tuoi pensieri,la tua saggezza. Se non la vivi, non verrà MAI fuori dal tuo strumento Charlie Parker ----------- Il Jazz è l'unica musica in cui la stessa nota può essere suonata in ogni serata, ma sempre in modo diverso. Ornette Coleman ----------- Credo che la cosa più importante per un musicista sia quella di trasmettere a chi lo ascolta un'immagine di tutte le cose meravigliose che sente e avverte nell'universo. Questo è ciò che la musica significa per me, semplicemente una possibilità, tra le molte altre, di dire che viviamo in un mondo immenso e meraviglioso, un mondo che ci è stato donato John Coltrane ----------- Devi amare per poter suonare. Louis Amstrong ----------- Suona , suona sempre anche senza strumento. Lee Koniz ----------- Un giovane sassofonista si lamentava con me del fatto che ascoltare Coleman Hawkins lo innervosiva. Gli ho risposto: "Coleman Hawkins deve renderti nervoso! Hawkins ha innervosito tutti i sassofonisti degli ultimi quarant'anni!". Cannonball Adderley ----------- "Il sassofono non è solo qualcosa in cui soffiare; esso è qualcosa con cui cantare" Paul Brodie ----------- Mi voltai e c'era Bird, conciato peggio di una merda, con la faccia gonfia, gli occhi arrossati e l'aria di aver dormito nei suoi vestiti spiegazzati per giorni. Ma era fico, con quell'aria hip che gli riusciva di avere anche quando era ubriaco e drogato Miles Davis ----------- La musica lava via la polvere della vita quotidiana Art Blakey ----------- Il jazz è conosciuto in tutto il mondo come una forma d'arte musicale americana e così è. Niente America, niente jazz. Ho visto persone cercare di collegarlo ad altri paesi, per esempio all'Africa, ma non ha niente a che fare con l'Africa. Art Blakey ----------- Ci ho messo tutta la vita ad imparare cosa non si deve suonare. dizzy Gillespie ----------- Il blues non serve a far stare meglio te,serve a far star peggio ki ti ascolta!!! Gengive sanguinanti Murphy- Simpson - Lisa sogna il Blues ----------- se gradite uno strumento che canta,suonate il sassofono.relativamente è come la voce umana. Stan Getz ----------- "Come nuovo, uno dei migliori fegati contemporanei. A bagno nel Dewar (una marca di whisky) e scoppia di salute". paul desmond il giorno in cui gli diagnosticarono un tumore al polmone ----------- "e in culo anche il jazz" Novecento A. Baricco ----------- "io non sono quello che faccio, faccio quello che sono". Miles Davis ----------- "la vita senza la musica sarebbe un errore, ma anche la musica senza la vita sarebbe un errore!" Wayne Shorter ----------- L'unica rabbia che posso provare è verso di me, quando non riesco a suonare quello che voglio (J. Coltrane) ----------- 'Play it in the key of your soul' "Suonala nella chiave della tua Anima" Charles Mingus ----------- "Il jazz, se si vuole chiamarlo così, è un'espressione musicale; e questa musica è per me espressione degli ideali più alti. C'è dunque bisogno di fratellanza, e credo che con la fratellanza non ci sarebbe povertà. E con la fratellanza non ci sarebbe nemmeno la guerra" John Coltrane -----------

 Questo blog è contro la blacklist
ed eventuali commenti anonimi
(o non anonimi) che conterranno
turpiloqui e bestemmie verranno
(forse) cancellati.


Questo blog lo dedico alla memoria
di Fausto Papetti, scomparso nel 1999
nella quasi indifferenza. Eppure è stato
e rimarrà sempre il più grande
sassofonista che abbiamo avuto in Italia
e che pochi hanno saputo apprezzare,
specialmente le nuove generazioni.










 



 


























 

 

 

 



 


 

 

 

 

 




























 



























 

 






































IL CANNOCCHIALE